Bologna, 22 novembre 2019 - Nuova allerta meteo in Emilia- Romagna, questa volta arancione, dove è attesa una nuova ondata di maltempo per il weekend. Il nuovo evento si innesta sulla coda di quello appena concluso con alcuni corsi d'acqua, interessati dalle piene nei giorni scorsi, ancora strettamente monitorati, in particolare Idice e Reno nel bolognese, Panaro e Secchia in provincia di Modena.

LEGGI ANCHE Allerta meteo rossa in Liguria, paura per Genova. E arriva la piena del Po

Nel dettaglio, le previsioni meteo del Centro funzionale Meteo Arpae segnalano per domani sabato 23 novembre piogge persistenti, a tratti intense, sull'Appennino centro-occidentale con valori medi attorno ai 40-50 mm in 24 ore. I picchi sul crinale appenninico potranno però raggiungere gli 80-100 mm generando piene moderate nei corsi d'acqua.

Sul fiume Secchia e sull'asta principale del Reno potranno verificarsi superamenti di soglia 2 (codice arancione) anche nei tratti di valle, già nella notte fra sabato 23 e domenica 24, giornata in cui sono previste altre piogge proprio in pianura. Il quadro idrologico si completa con la situazione del fiume Po nella pianura di Bologna e Ferrara che nelle prossime ore, come segnalato da Aipo, sarà in piena ordinaria (sopra la soglia 1) a Pontelagoscuro (Fe) e sopra la soglia 2 nell'area del Delta. 

 

 

E anche in Riviera si prova a correre ai ripari. A Cesenatico, infatti, il Comune ha deciso la chiusura delle porte vinciane dalle 10 di domattina alle 14 di lunedì, per prevenire eventuali allagamenti del centro storico, fa sapere il sindaco Matteo Gozzoli sulla sua pagina Facebook. Oggi pomeriggio, aggiunge il primo cittadino, la Protezione civile comunale "ha rinforzato le dune nei punti critici della nostra costa. Dopo le scorse mareggiate la Giunta ha messo a disposizione 10.000 euro per interventi urgenti di ripristino e messa in sicurezza".

Intanto la Regione spiega che sulla costa "si segnalano situazioni di vulnerabilità". In spiaggia, infatti, "le dune arginali sono state rafforzate ma restano due varchi aperti a Valverde e Villamarina". Nel riminese, invece, "dopo gli ultimi fenomeni di erosione sono state rimodellate le dune preesistenti
col materiale disponibile sul posto". Sulla costa ferrarese, infine, "le difese in spiaggia al Lido di Volano sono state ripristinate in regime di somma urgenza". E' invece "in corso l'intervento a Lido di Spina, mentre è programmato quello a Lido delle Nazioni".