Il gol su rigore 1-0 di Cissè (Foto LaPresse)
Il gol su rigore 1-0 di Cissè (Foto LaPresse)

Carpi, 11 maggio 2019 -  Chiusura con il botto. L'ultima passerella del Carpi in B è un autentico spettacolo di gol ed emozioni (FOTO). A spuntarla è il Venezia in un pirotecnico 2-3 al cardiopalma. Biancorossi in campo con il lutto al braccio e senza Fabrizio Castori in panchina, assente per la scomparsa della mamma Mariana, ricordata da tutto il Cabassi con un toccante minuto di raccoglimento prima del match.

Ritmo blando nei primi minuti, il 4-4-1-1 carpigiano con Crociata e Cissè supportati da Marsura e Mustacchio, offre i primi frutti al 12' con una conclusione da fuori di Crociata, palla che sfiora l'incrocio dei pali. Il Venezia costruisce poco, la squadra di Cosmi ha tutta la pressione dalla sua. Al 15' Marusra approfitta di un errore di Bruscagin, si invola verso Vicario e, nel tentativo di dribblarlo, viene steso in area di rigore dallo stesso portiere del Venezia: per il direttore di gara Illuzzi è calcio di rigore. Dal dischetto va Cissè, palla da una parte e portiere dall'altra.

Succede davvero pochissimo al Cabassi, la reazione dei lagunari si fa attendere fino al 31' quando Modolo sfiora il pari con una incornata sugli sviluppi di un corner dalla destra, ma il suo tiro finisce centralmente tra le gambe di Piscitelli. Al 46' ci prova anche Buongiorno, sempre di testa e sempre troppo centrale, Vicario salva il corner. Sono queste le uniche emozioni di un primo tempo davvero scialbo. La seconda frazione si apre con il raddoppio biancorosso. Bellissima triangolazione tra Crociata e Coulibaly che libera quest'ultimo al tiro da fuori, la sfera termina all'angolino basso alla destra di Vicario ed è 2-0.

E' notta fonda per il Venezia ma a ariaccendere le speranze venete ci pensa Buongiorno. Il difensore biancorosso, già ammonito, entra in maniera ruvida ai danni di un avversario e si vede sventolare il secondo giallo dal signor Illuzzi, lasciando il Carpi in dieci per tutto il secondo tempo.

Il Venezia spinge e ripare il match al 64'. Domizzi lancia in avanti verso Bocalon il quale vola e offre una sponda in favore del neo entrato Zigoni che tutto solo davanti a Piscitelli non può sbagliare. Cinque minuti più tardi è Pinato a sfiorare il pari con un rigore in movimento sul quale Piscitelli è costretto alla prodezza coi piedi. Difende con le unghie e con i denti il Carpi, ma al 89' è costretta a cedere ancora una volta sotto i colpi di Zigoni. L'attaccante del Venezia trova il pari di testa e riporta immediatamente il pallone a centrocampo, i lagunari avrebbero bisogno di un altro gol per agganciare i playout. E il finale perfetto viene scritto al 92'. Corner dalla destra sul quale, ancora una volta, svetta un inarrestabile Zigoni e sigla la sua tripletta. Il Venezia compie un'incredibile rimonta e vola ai playout con la Salernitana. Il Carpi saluta mestamente e con un'altra sconfitta questa Serie B.

 

Tabellino

Carpi-Venezia 2-3

Reti: 16' rig. Cissè, 48' Coulibaly, 64', 89' e 92' Zigoni

Carpi (4-4-1-1): Piscitelli; Pezzi, Poli, Kresic, Buongiorno; Mustacchio (51' Pachonik), Coulibaly, Vitale (71' Saric), Marsura (71' Concas); Crociata; Cissè. A disp.: Sambo, Suagher, Marcjanik, Piscitella, Vano, Romairone, Arrighini, Barnofsky, Rizzo. All.: Castori

Venezia (4-3-3): Vicario; Bruscagin, Domizzi, Modolo, Mazan; Segre (53' Bentivoglio), Schiavone, Besea (48' Zigoni); Lombardi, Bocalon, Pimenta (69' Pinato). A disp.: Facchin, Lezzerini, Suciu, Zennaro, Rossi, Cerruto, Zampano, Vrioni.All.: Cosmi

Ammoniti: Vicario, Buongiorno, Mazan, Bentivoglio, Cissè, Domizzi, Schiavone, Lombardi

Espulsi: 49' Buongiorno

Carpi-Venezia: clicca qui per rivedere i momenti salienti della gara - Serie B, risultati e classifica live