Il rigore di Tulissi che ha deciso il match (foto Fiocchi)
Il rigore di Tulissi che ha deciso il match (foto Fiocchi)

Modena, 24 ottobre 2019 - Risorge il Modena, battuta d'arresto per le ambizioni del Carpi. Il primo derby della stagione (foto) emette questa sentenza. Sembrava quasi utopistico pensarlo alla vigilia, ma nelle difficoltà i canarini sono riusciti a risollevarsi, certo aiutati anche dalla buona sorte, in una partita che di emozioni ne ha regalate parecchie. Prima della gara, tra l'altro, una goliardata da parte dei tifosi del Modena che, ieri notte, hanno vestito di gialloblù la statua di Dorando Pietri. Ora il Carpi resta fermo a 20 punti in classifica (quarto assieme alla Reggiana), mentre il Modena sale a 19. 

I primi venti minuti sono tutti di studio. Le due squadre non lasciano nulla al caso e mettono in campo anche una discreta fisicità. I gialloblù si fanno vedere con una discesa di De Grazia sulla sinistra ma il suo cross al centro viene messo in corner da Sabotic.

La prima conclusione dei biancorossi è invece di Saber, non certamente da ricordare. Al 29' grande azione di Lomolino che duetta con Carta e arriva al traversone che, per poco, non trova Vano libero di incornare a rete, ma il bomber può solo sfiorare. Al 35' la più grande, l'unica a dire il vero, palla gol del match è del Carpi. Contropiede orchestrato da Saric che lancia in profondità Vano, l'attaccante biancorosso entra in area e chiude il triangolo con lo stesso Saric, il quale salta Perna e Zaro e conclude a rete, Gagno è super e salva il Modena. Al 41' ci prova anche Carta da fuori area, il portiere del Modena è ancora attento e blocca. È l'ultima emozione di un primo tempo poco spettacolare ma molto intenso.

La ripresa si apre con un Carpi più in palla tanto da creare il primo pericolo ancora con Carta, abile a calciare di prima dopo il cross di Saber: Gagno non si fa sorprendere. I biancorossi ora spingono forte. Tre minuti più tardi colossale occasione per Vano: Pezzi corre sull'out di destra, cross sul primo palo per il bomber che non inquadra incredibilmente la porta. 

Sul fronte opposto Pezzella imbuca Bearzotti che viene steso in area di rigore da Lomolino, per l'arbitro è rigore ed espulsione. Dal dischetto va Tulissi, palla in rete per il vantaggio canarino nel momento migliore del Carpi. Nonostante l'inferiorità numerica, la squadra di Riolfo continua a giocare e lo fa cercando soprattutto Michele Vano con i lanci lunghi. Come al 59' quando Zaro sbaglia l'intervento e Vano ne approfitta per raccogliere la sfera e servire l'accorrente Saber che ha tutta la porta a disposizione davanti a sé, Varutti si immola e salva il Modena.

Al 62' succede l'incredibile: Pezzi offre in profondità per Vano il quale viene atterrato da Ingegneri, ultimo uomo, e per lui scatta il rosso. Si torna in parità numerica. Riolfo getta nella mischia Biasci e Maurizi, Zironelli, invece, Sodinha. Al 78' Biasci calcia da fuori ma trova Gagno in due tempi. I biancorossi ci provano in tutti i modi, ma il Modena chiude tutto e vince soffrendo un derby tiratissimo.

Il tabellino

Carpi-Modena 0-1

Reti: 53' rig. Tulissi

Carpi (4-3-1-2): Nobile; Pellegrini (71' Biasci), Sabotic (84' Carletti), Ligi, Lomolino; Saber (71' Maurizi), Pezzi, Carta; Saric; Jelenic, Vano. A disp.: Rossini, Rossoni, Sarzi Puttini, Varoli, Van der Heijden, Fofana, Clemente, Simonetti, Boccaccini. All.: Riolfo

Modena (3-4-2-1): Gagno; Ingegneri, Zaro, Perna; Bearzotti, Pezzella (73' Rabiu), Davì, Varutti; De Grazia (73' Boscolo Papo), Tulissi (65' Stefanelli); Rossetti (60' Sodinha). A disp.; Pacini, Narciso, Cargnelutti, Ferrario, Politti, Stefanelli, Mattioli, Duca, Spaviero. All.: Zironelli

Arbitro: Marco D'Ascanio di Ancona

Ammoniti: Carta, Zaro, Pezzella, Davì, Jelenic, Biasci

Espulsi: 53' Lomolino, 62' Ingegneri

Recupero: 1' nel primo tempo, 4' nel secondo

Spettatori: 3029. Abbonati: 734.