Il presidente del Nonantola Film Festival Elia Ansaloni
Il presidente del Nonantola Film Festival Elia Ansaloni

Modena, 18 aprile 2019 - A Nonantola fine aprile fa rima con film festival. Come ogni anno infatti in questo periodo comincia il Nonantola Film Festival, kermesse sempre più amata in provincia, da cinefili e non. Il ricco cartellone, che si sviluppa tra Nonantola, Bomporto e Castelfranco, propone eventi che coprono l’arco di quasi un mese, tra proiezioni, incontri con i registi, laboratori e la gara «4 giorni corti», il piatto forte del menù del festival.

Già 40 le troupe iscritte al concorso, un numero destinato a salire secondo gli organizzatori che ricordano il termine massimo per l’iscrizione: la mezzanotte di martedì 23 aprile. Il 24 poi avverrà il sorteggio di due diversi generi tra i quali la troupe dovrà scegliere. Nel corto, come ogni anno, devono essere inseriti alcuni elementi obbligatori e un riferimento a Nonantola.

Consegna da effettuare entro l’una della notte tra il 29 e il 30 aprile. Gran finale domenica 5 maggio al cinema teatro Troisi. Novità di questa edizione il ritorno dei NonantolaFilmLabs, cinque serate nelle quali altrettante associazioni del territorio si presentano attraverso pellicole scelte ad hoc in collaborazione con il festival. Protagonista sarà infine la rassegna di film di qualità: undici lungometraggi (tra cui sei opere prime) e tre film Disney, tutti accomunati dal tema della famiglia, affrontato dal punto di vista di vari generi, dalla commedia al sentimentale al drammatico.

La maggior parte delle pellicole è firmata da registi italiani, come Notti magiche di Paolo Virzì, Hotel Gagarin, con Claudio Amendola e Luca Argentero e La casa di famiglia, opera prima di Augusto Fornari. Primo appuntamento martedì 23 aprile alle 21 al cinema comunale di Bomporto, con La favorita, film premiato agli ultimi Oscar con la statuetta per la miglior attrice protagonista, assegnata a Olivia Colman. Tutte le proiezioni sono ad ingresso gratuito.