A Rubiera c’è Pasquinucci davanti a tutti

La "Carettera ad Rubera" riproposta dopo tre anni di pausa, con grande partecipazione e successo agonistico. Vittoria di Pasquinucci e Cocchi, con oltre 290 atleti al via.

A Rubiera c’è Pasquinucci davanti a tutti

A Rubiera c’è Pasquinucci davanti a tutti

La "Carettera ad Rubera", corsa nata nel 1981, negli anni ha sempre avuto grande successo sia agonistico che di partecipazione, grazie anche al coinvolgimento degli studenti delle scuole. Dopo ben tre anni di interruzione, per Covid ed altre cause, la gara è stata riproposta ed ha dimostrato ancora buona vitalità, conseguenza anche della partecipazione "bipartisan" ai calendari podistici modenese e reggiano. È stato riproposto un percorso competitivo, ridotto dai tradizionali 15 a 10 km., misura più standardizzata; ne è risultata una gara molto tirata, completata da 290 atleti. Il ritmo è stato fatto per gran parte della corsa da un quartetto composto dai modenesi Alessandro Pasquinucci (Fratellanza), Salvatore "Sam" Franzese (Atl.Reggio), Saimir Xhemalaj (Modena Runners Club) e dal parmense Fabio Ciati (Atl.Reggio). I quattro si sono alternati al comando per quasi tutta la gara, inseguiti ma mai raggiunti da Lorenzo Villa (Atl.MdS Panaria Group). Nel finale il quartetto si è diviso, con Pasquinucci e Franzese che hanno allungato. In conclusione Pasquinucci, esperto della distanza, è riuscito ad andar via ed a vincere in 31’55’’. Salvatore Franzese, che pure a causa di un’influenza non aveva potuto partecipare alla maratona di Siviglia in programma proprio domenica scorsa, è arrivato secondo a soli 14’’. Saimir Xhemalaj, eclettico atleta che passa dal trail alla mezza maratona, ha avuto la meglio in volata su Ciati. Quinto ha chiuso Lorenzo Villa.

In campo femminile è partita forte e decisa Francesca Cocchi, atleta di casa (Corradini Rubiera). A metà gara Francesca aveva accumulato un bel vantaggio sulle inseguitrici. Ha però rischiato grosso per la rimonta, appena un attimo tardiva, della ventenne bolognese Demetra Tarozzi (Atl.Pontelungo), arrivata seconda per soli 21’’, che ha preceduto la compagna di squadra Lavinia Pugliese. I nostri colori al femminile non hanno brillato; ci si deve accontentare dei piazzamenti di categoria: dalla vittoria nelle F60 di Barbara Bonini (Guglia Sassuolo) su Paola Bernini (Fratellanza) a quella under 25 di Francesca Badiali (Fratellanza), fresca campionessa regionale di cross. Piazze d’onore infine nella categoria F40 rispettivamente per Raffaella Malverti (Pol.Correggio) ed Annarosa Mongera (Fratellanza). La corsa / camminata non competitiva per amatori e scolaresche (oltre 2.700 presenze) si è infine sviluppata su varie distanze, la più lunga delle quali di 11,5 km. Anche questa corsa è risultata più corta rispetto al passato, ma è stata caratterizzata ugualmente dal passaggio nel parco della bella Villa Spalletti.

Giuliano Macchitelli