Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
25 nov 2021

Agli allievi di Bottura la prima ’stella’

Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti gestiscono un locale a Porto San Giorgio

25 nov 2021
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti
Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti

"Quando ci hanno dato la giacca da indossare per la cerimonia, ecco, solo in quel momento ci siamo guardati e abbiamo capito che ce l’avevamo fatta: c’era la stella". Richard Abouzaki e Pierpaolo Ferracuti sono gli chef stellati del ristorante Retroscena a Porto San Giorgio. Un locale accanto al teatro comunale in cui i due grandi amici cresciuti nella cucina di Bottura, 25 anni Abouzaki di Modena, 35 Ferracuti di Fermo, "con passione, energia e un briciolo di follia" hanno conquistato la prima stella Michelin. Come si diventa chef stellati? "Abbiamo preso una stella Michelin in dieci mesi, questo è il risultato di Retroscena. A giugno dell’anno scorso (con l’arrivo di Abouzaki; ndr) abbiamo stravolto Retroscena facendolo diventare un ristorante italiano contemporaneo e a novembre siamo entrati nella Guida". Un risultato ottenuto in pieno lockdown. "Ci abbiamo creduto, abbiamo dato l’anima, cucinando con impegno amore e dedizione. Abbiamo ampliato la brigata, assunto gente in più in un momento delicato, ora ci sono 10 ragazzi per fare 22 coperti e questi investimenti hanno portato risultati. Garantire la costanza ai nostri clienti è stato fondamentale". Parliamo di menu, stasera (ieri; ndr) i vostri clienti ceneranno in un locale stellato, cosa li aspetta? "Il nostro menu si è evoluto, quello di quest’anno è un omaggio alla Divina Commedia diviso in cantiche, tutto monocromatico e studiato per mesi. Vogliamo far vivere qualcosa fuori dai paradigmi normali. Serviamo un’esperienza a 360 gradi e la sala ha un ruolo importante, deve far capire al cliente cosa stiamo facendo. La stella è frutto dell’equilibrio tra sala e cucina". Cambierà qualcosa? "Facciamo una cucina netta, complessa, essenziale con un gusto pulito al centro, forse cambierà il cliente, le aspettative con cui si viene da noi. Ma sia chiaro, la stella non è ego personale, è responsabilità". Ora porterete a Porto San Giorgio il turismo dei ristoranti stellati. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?