Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
11 mar 2021

"Alessandro finito in una setta? È possibile"

Lorita Tinelli, psicologa ed esperta del fenomeno commenta la vicenda del giovane sassolese scomparso: "Gli elementi ci sono"

11 mar 2021
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici
Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Centro studi abusi psicologici

di Gianpaolo Annese "Con la pandemia le richieste di aiuto che riceviamo sono aumentate, ormai siamo nell’ordine dei 5-6 casi al giorno". L’inquietante ipotesi che i due ragazzi emiliani scomparsi, Alessandro Venturelli (il 21enne sparito da Sassuolo più di tre mesi fa) e Stefano Barilli (23enne di Piacenza), siano finiti nella rete delle psico-sette come paventano i genitori, viene presa seriamente in considerazione anche dalla dottoressa Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Cesap, il Centro studi abusi psicologici, tra le massime esperte nazionali del fenomeno. Dottoressa Tinelli, intanto cos’è una psico-setta? "Si tratta di gruppi chiusi, a carattere spirituale ma non necessariamente religioso, che si riuniscono attorno a leader o ad alcuni leader e che si fonda su una forte ideologia. Proliferano manipolando i componenti e mirano al denaro o al sesso". Quante sono attualmente le psico-sette in Italia e quante le persone che cadono nella rete? "È molto difficile fare una stima perché spesso questi gruppi cambiano nome per non farsi individuare. Possiamo dire che siamo nell’ordine delle 500, ma è una quota sottostimata. Quanto alle persone che vi fanno parte il calcolo è ancora più difficile perché in molti escono da una sette ed entrano in un’altra, comunque parliamo di migliaia di persone". Ritiene che i casi di Venturelli e Barilli possano rientrare in questa casistica? "Non conosco direttamente la loro storia, ma da quello che ho letto ci sono tutte le probabilità. Le letture sul potenziamento del cervello di cui parla una delle mamme, l’idea di impegnarsi in un progetto economico, la frase ‘devo crescere’, i vestiti uguali (ammesso che quella foto pubblicata in questi giorni ritragga davvero loro), rimandano alla concreta possibilità che possano essere entrati in contatto con uno di questi gruppi". Come fanno ad agganciare le loro ‘vittime’? "Con la pandemia il tempo passato in casa davanti al computer aumenta. Crescono le ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?