Quotidiano Nazionale logo
9 mag 2022

Ambulanza e medicine: abbraccio a Leopoli

La missione umanitaria del dottor Pisani ha consegnato gli aiuti all’ospedale pediatrico: "Felice di aver risposto all’appello"

francesco vecchi
Cronaca
L’abbraccio tra Maurizio Biella e il dottor Alexander Istomin
L’abbraccio tra Maurizio Biella e il dottor Alexander Istomin
L’abbraccio tra Maurizio Biella e il dottor Alexander Istomin

dall’inviato Francesco Vecchi LEOPOLI (Ucraina) Si sono riconosciuti più dalla voce che altro, Paolo e Alexander, dato che entrare in Ucraina di sera significa avere subito a che fare con due regole, una scritta e l’altra no: gli ampi spazi vuoti che l’uomo sembra non abitare più (c’è il coprifuoco) e il buio, pesto. Quando si sono incontrati, non si capiva chi dei due avesse vent’anni e chi sessantotto. Perché è stato un abbraccio irrefrenabile, così come le risate, rimedio antico per spezzare l’emozione che pesa un po’ troppo. Venerdì, poche centinaia di metri dopo il confine con la Polonia, Paolo e Alexander la guerra l’hanno un po’ ingannata, lottando, entrambi, per un principio che conoscono più di altri, avendo condiviso la stessa professione: chi cura deve avere a disposizione gli strumenti del caso, Putin o non Putin, al di là dei checkpoint e degli allarmi bomba che da lì a breve il secondo avrebbe insegnato come gestire al primo. Per questo Paolo Pisani, una vita col camice bianco e ora presidente di una onlus che assiste l’infanzia laddove i conflitti e la gli stati di crisi altrimenti non lo permetterebbero (la Hesperia Bimbi, nata nel 2016), ha deciso di farsi oltre tremila chilometri al volante e raggiungere il giovanissimo ematologo ucraino di 26 anni. Si chiama Alexander Istomin, lui. Prima del 24 febbraio lavorava a Kiev, ma poi l’esplosione della guerra lo ha portato all’ospedale pediatrico di Leopoli, dove finiscono anche i bimbi feriti nei bombardamenti. Istomin qualche settimana fa aveva ‘urlato’ il suo appello in direzione Polonia, verso Medyka, terra di campagna che si è riscoperta teatro di un esodo: "Ci servono ambulanze e con urgenza". La voce per vie traverse ha ben presto superato le infinite code di auto ad ambo i lati della frontiera, arrivando proprio a Pisani, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?