Una terapia intensiva (foto Antic)
Una terapia intensiva (foto Antic)

Modena, 8 aprile 2020 - Ha lottato con tutte le sue forze ma alla fine, dopo un mese di ricovero, ha perso la battaglia contro il Covid-19. E’ morta a soli 36 anni la delegata sindacale di Villa Margherita: Anna Caracciolo era stata ricoverata in terapia intensiva lo scorso 6 marzo dopo essere risultata positiva al tampone. L’operatrice sanitaria lavorava da anni nella struttura e pur non sentendosi bene, a marzo, non aveva abbandonato i ‘suoi’ anziani.

Leggi anche: Emilia Romagna, via alla distribuzione di mascherineIl bilancio delle Marche - Quando finirà la pandemiaIl farmaco a domicilioContagi e bilancio nelle Marche

Le colleghe la ricordano come una persona dal cuore grande. La sua morte ha destato profonda commozione e sconforto. La FP Cgil di Modena esprime dolore per il decesso di Anna, avvenuto la scorsa notte."‘Era una dei 10 operatori contagiati della residenza per anziani Villa Margherita di Modena. Ha lottato per oltre un mese, ma alla fine non ce l’ha fatta", scrivono dalla Cgil.

"Anna è stata una delle principali protagoniste della vertenza sindacale per l’applicazione di un CCNL che garantisse i diritti per i lavoratori e, principalmente, il trattamento pieno per la malattia. Vertenza che abbiamo sviluppato tra dicembre 2019 e febbraio 2020 - ricorda il sindacato -. Un periodo che oggi ci sembra lontanissimo. Ma una circostanza in cui abbiamo imparato a conoscere meglio una giovane donna piena di passione e abnegazione per il proprio lavoro. Grazie Anna per tutto quello che hai fatto per la nostra Categoria. Ti salutiamo e ti abbracciamo. La Fp Cgil esprime ai familiari le più sentite condoglianze".