Il guasto si era verificato il primo maggio, il gestore ha avvisato i carabinieri
Il guasto si era verificato il primo maggio, il gestore ha avvisato i carabinieri

Fiorano (Modena), 1 giugno 2020 - Non potevano credere ai loro occhi, la benzina sgorgava gratis dalle pompe come per un inaspettato miracolo, senza bisogno di tirare fuori nemmeno un euro. E così era stata ‘festa grande’; famigliari ed amici invitati ‘a nozze’, serbatoio pieno, tutto gratis!

Credevano di averla fatta franca i furbetti del distributore di benzina di Fiorano autori di un furto di carburante in massa, ma a distanza di un mese esatto si sono trovati il ‘conto da pagare’ e non solo quello in moneta. I fatti risalgono allo scorso primo maggio quando un folto gruppo di automobilisti aveva fatto rifornimento di carburante approfittando di un guasto alle pompe di erogazione di un’area di servizio situata nel comune del distretto ceramico. La cosa però non era passata inosservata ai carabinieri della locale stazione che, al termine di un mese di indagini, hanno identificato e denunciato alla procura della Repubblica venti persone.

Tutte dovranno ora rispondere del reato di furto. I militari hanno ricostruito nei dettagli la vicenda: il primo cliente, dopo essersi accorto del malfunzionamento dell’erogatore e della possibilità di effettuare il pieno senza pagare, aveva chiamato al telefono parenti e conoscenti che erano subito accorsi approfittando dell’ ‘occasione’. Alla fine il danno arrecato era stato di circa 1100 euro. Una volta accortosi del guasto, il gestore dell’impianto aveva denunciato il tutto ai carabinieri.

Mentre alcuni automobilisti nei giorni successivi al primo maggio si erano recati spontaneamente al distributore per pagare il loro debito, il benzinaio attraverso i social aveva lanciato un appello, invitando i ‘morosi’ a saldare il conto. Il messaggio aveva sortito i suoi effetti soltanto in parte; qualcuno infatti si era fatto avanti recandosi presso l’area di servizio per pagare le benzina prelevata, altri, le venti persone denunciate, invece no.

Le indagini dei carabinieri di Fiorano sono però andate avanti e hanno permesso di risalire anche a un automobilista che, attirato dal pieno gratis, aveva raggiunto il distributore con l’auto di un parente senza avere però la patente di guida. Per lui dunque, oltre alla denuncia per furto, è scattata anche la sanzione per guida senza patente.