E’ ARRIVATO in ospedale con lesioni interne gravissime ed è stato subito sottoposto ad un delicato intervento. Ora è ricoverato in rianimazione. Sono in corso indagini da parte della squadra mobile per individuare il responsabile della gravissima aggressione sessuale ai danni di un 38enne di Mirandola. I contorni della vicenda sono ancora poco chiari: l’uomo, che lavora nel campo dell’edilizia, è stato vittima di...

E’ ARRIVATO in ospedale con lesioni interne gravissime ed è stato subito sottoposto ad un delicato intervento. Ora è ricoverato in rianimazione. Sono in corso indagini da parte della squadra mobile per individuare il responsabile della gravissima aggressione sessuale ai danni di un 38enne di Mirandola. I contorni della vicenda sono ancora poco chiari: l’uomo, che lavora nel campo dell’edilizia, è stato vittima di un’agghiacciante violenza sessuale ma non si esclude neppure che il terribile gesto sia legato ad una sorta di vendetta o ‘punizione’. L’episodio risale alla settimana scorsa. La vittima avrebbe dichiarato agli inquirenti intervenuti di essersi appartato in un parco insieme ad una ragazza e di essere stato poi raggiunto da sconosciuti. Uno di questi lo avrebbe poi aggredito sessualmente provocandogli gravissime lesioni interne. Sarebbe stato un amico dell’uomo ad accompagnarlo in ospedale poco dopo: tornato a casa il 38enne sarebbe infatti stato colto da una grave emorragia. La vittima è stata operata d’urgenza ed ora si trova ricoverata all’ospedale di Carpi in condizioni gravi. Al momento l’uomo è in terapia intensiva. Come detto sono scattate immediatamente le indagini da parte degli uomini della squadra mobile che hanno anche effettuato accertamenti tecnici sulla zona dove si sarebbe consumata la violenza. Gli inquirenti, infatti, stanno cercando di far luce sui contorni di una vicenda ancora poco chiara. Infatti non è escluso a priori che il gravissimo gesto commesso fosse legato ad una sorta di vendetta o ad un precedente screzio tra la vittima e l’aggressore. Un agguato? Un avvertimento? O una terribile violenza sessuale messa in atto da uno sconosciuto?. Intanto a Mirandola aleggia lo sconforto per il terribile episodio: «E’ un fatto gravissimo – , dice un amico del 38enne –. Ha perso il papà qualche anno fa; ha avuto una vita difficile. Spero solo che si riprenda. Ora però vogliamo sapere quello che gli è successo esattamente, perché si è trattato di un episodio atroce. Sappiamo che è in condizioni gravi, addirittura in fin di vita... non possiamo immaginare chi possa aver fatto una cosa del genere».