Modena, 12 settembre 2018 - «Con l’acquisto di un bicchiere di Amnesia Haze Beer in omaggio 0,3 grammi di ottima cannabis light». È destinata a fare discutere - e non poco - la promozione con la quale il locale Marybistrò lancia per venerdì alle 18 l’inaugurazione in via Selmi, a due passi dal Duomo.

«Siamo il primo hemp-bar del Nord Italia - sottolineano i tre soci Antonietta Paesano, Nicola e Francesco Calvio -. Cosa è un hemp bar? Un locale dedicato esclusivamente a prodotti a base di canapa. E infatti i clienti da noi possono comprare alimentari come pane e focacce, alcolici e cinque infiorescenze di cannabis. Proporremo poi anche taglieri particolari e tanti nostri prodotti».

Ai tre soci l’idea è venuta l’anno scorso «andando alla fiera del settore all’Unipol Arena di Bologna. Ci ha incuriosito molto il mondo della cannabis light e abbiamo visto che il fenomeno è in piena esplosione ovunque. Abbiamo così deciso di fare questa scommessa imprenditoriale mossa però da tanta passione».

Cannabis light, chiusi due negozi / VIDEO

Con questa nuova apertura dilaga ulteriormente il fenomeno dei negozi che mettono in vendita la cannabis. L’Emilia Romagna è al secondo posto in Italia, dietro la Lombardia (67), per punti vendita (54). E Modena è la città che, in rapporto al numero di abitanti, è in testa alla classifica regionale con ben 8 negozi, chiamati groshop. A questi vanno poi aggiunte le decine di tabaccherie. «Ma noi siamo il primo bar e puntiamo su prodotti di alta qualità», sottolineano i tre. Specificano che - naturalmente - la cannabis venduta nel loro locale non può essere fumata: «La birra e i prodotti alimentari possono essere tranquillamente consumati sul posto.

Diverso il discorso sulle infiorescenze. Ci teniamo innanzitutto a sottolineare che abbiamo in vendita le migliori per quanto riguarda i contenuti di cannabidiolo e i gusti. Le coltivazioni sono tutte rigorosamente italiane e sul nostro profilo Facebook si possono trovare tante informazioni utili». «Ma - specificano - nel nostro Paese la cannabis light non si può vendere come prodotto alimentare o da fumare. E infatti sulle nostre confezioni è ben specificato. Sono prodotti ufficialmente da collezione o per profumare i locali. Poi è chiaro che a casa sua ognuno fa quello che vuole...». Anche a Modena, come nel resto d’Italia, la ‘legalizzazione silenziosa’ è ormai un dato di fatto.