L’ingresso del Policlinico (FotoFiocchi)
L’ingresso del Policlinico (FotoFiocchi)

Modena, 2 maggio 2018 – Mentre sono in corso alla medicina legale del Policlinico gli esami autoptici sul corpo di Nicolas, il bambino di 4 anni deceduto proprio al Policlinico lo scorso 25 aprile, emerge che la madre, una trentenne carpigiana, è stata iscritta nel registro degli indagati, in relazione al decesso del minore, come atto di garanzia in vista della stessa autopsia.

Nicolas sarebbe deceduto a causa delle conseguenze di un soffocamento. Massimo riserbo dagli investigatori. Le indagini sono in mano ai carabinieri della compagnia di Carpi.

Secondo la ricostruzione fatta dalla madre, una trentenne carpigiana, il bambino, lunedì 23, avrebbe ingerito un giocattolo mentre si trovava in compagnia proprio della donna in una zona verde nelle campagne di Soliera.

La stessa ha poi portato il figlioletto al pronto soccorso dell’ospedale di Carpi, dove è appunto deceduto alle prime ore del 25 aprile. I carabinieri hanno fatto sopralluoghi nell’area verde, proprio per fare massima chiarezza sulle possibili cause del soffocamento, perché la dinamica non è chiara.