Carpi, con il bus distruggono la suola
Carpi, con il bus distruggono la suola

Carpi (Modena), 24 aprile 2017 - Traditi dai social network. I carabinieri di Carpi e del reparto operativo di Modena sabato sera hanno fermato tre minorenni considerati gli autori degli atti vandalici che, nella notte tra giovedì e venerdì, hanno causato la devastazione dell’atrio della scuola Meucci di Carpi e il danneggiamento di cinque minibus Seta, rubati dal deposito di via Peruzzi, due dei quali usati come mezzi ariete contro l’istituto.

Il movente: hanno agito per noia

Una notte di follia che costerà cara ai giovanissimi e alle loro famiglie: i baby vandali - tutti di origine africana nati in Italia, tra i 16 e i 17 anni - sono detenuti a disposizione della Procura presso il tribunale dei minori di Bologna, in attesa della convalida del fermo, scattato probabilmente per il rischio di reiterazione del reato, cioè il pericolo che i tre potessero compiere altri vandalismi. Due di questi ragazzi sarebbero studenti del Meucci, il terzo un loro amico che non frequenta la scuola. Sulle loro identità, vista la minore età, il riserbo è massimo. Le indagini dei carabinieri sono comunque ancora in corso e non è escluso che ci siano altri ragazzi coinvolti nell’inchiesta, magari maggiorenni. Oltre ai tre fermati potrebbero insomma esserci altri indagati.

image

I fermi sono scattati per furto e danneggiamento aggravati e per interruzione di pubblico servizio poiché è stato necessario interrompere le lezioni, che riprenderanno mercoledì. A ciò si aggiunge di certo anche la guida senza patente.

I militari sono arrivati al terzetto grazie al contributo delle telecamere del deposito Seta e della scuola, ma anche grazie ai social network, in particolare a una chat di gruppo in cui alcune settimane fa, quindi prima della notte ‘brava’, i ragazzi avrebbero parlato del loro assurdo progetto. Potrebbero essersi ispirati - nel compiere l’azione - ai tragici attentati compiuti dall’Isis. Le telecamere, malgrado i vandali avessero il volto coperto da sciarpe e cappucci, hanno dato un aiuto agli inquirenti, mentre sono in corso le indagini scientifiche su impronte e tracce biologiche che, i militari ne sono certi, cristallizzeranno l’indagine.

CARPIBUS_22152874_112205

Se ad agire sono stati davvero in tre, i ragazzi si sono dati il cambio al volante dei minibus, che certo sono più facili da guidare di una corriera (sarebbe come guidare un furgone) ma pur sempre mezzi portati spasso per Carpi da giovani senza patente. E’ un miracolo se non abbiano fatto del male a se stessi o ad altri. Dal Gps dei tre mezzi con cui i ragazzi si sono allontanati dal piazzale del deposito (due sono stati abbandonati lì) si è ricostruito il tragitto effettuato in circa un’ora: i vandali sarebbero arrivati fino al centro cittadino, per poi imboccare la tangenziale e schiantarsi con due minibus contro i cancelli e l’atrio del ‘Meucci’. L’ultimo bus è stato trovato con i vetri infranti tra la vegetazione di via Saltini. La conta dei danni è ancora in corso, ma la Provincia ha quantificato in 70mila euro quelli all’istituto. Per Seta i danni ai minibus supererebbero i centomila euro.