Carpi, morto in casa a 21 anni. Nella foto il pronto soccorso
Carpi, morto in casa a 21 anni. Nella foto il pronto soccorso

Carpi (Modena), 5 gennaio 2019 - I carabinieri stanno conducendo accertamenti su un  21enne trovato morto questa mattina dai familiari nella sua abitazione a Carpi. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 ma per il ragazzo non c'è stato nulla da fare. Da una prima ricostruzione pare che la mattina del 4 gennaio, intorno alle 4, il ragazzo sia andato al pronto soccorso dell'ospedale Ramazzini di Carpi a causa di un malore e dopo le visite sia stato dimesso.

AGGIORNAMENTO Davide, morto dopo le dimissioni. L’ospedale: "Nessuna patologia"

"Una tragedia immane - commenta il sindaco Alberto Bellelli su Facebook - penso che ora sia il momento del rispetto per il dolore indescrivibile che sta provando quella famiglia a cui come comunità ci stringiamo, in attesa che vengano svolti i dovuti rilievi e fatte le verifiche del caso nella pretesa che è di tutti i cittadini, in primis del sottoscritto, di sapere realmente cosa è accaduto". 

Il giovane alle ore 4.29 di ieri aveva effettuato un accesso al pronto soccorso di Carpi per dolore toracico aspecifico. Visitato e sottoposto ad accertamenti clinici e strumentali in assenza di riscontri patologici, il paziente è stato dimesso alle ore 7.18 con invio al curante”. Con queste parole l'Azienda Usl di Modena interviene, attraverso un comunicato stampa, sul decesso del 21enne. “L’ambulanza del 118 – continua l'Ausl - è giunta al domicilio poco dopo le 10, trovando il ragazzo già in arresto cardiocircolatorio. Immediatamente sono iniziate le manovre rianimatorie avanzate, continuate anche all’arrivo del medico dell’elisoccorso che era stato preventivamente attivato. Le manovre sono proseguite per più di un’ora, finché gli operatori hanno dovuto constatare il decesso, avvenuto intorno alle 11.30”. Infine, si legge nel comunicato, “ profondamente colpito per l’accaduto, il personale dell’Azienda Usl di Modena si unisce al dolore dei familiari e degli amici del giovane”.