Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Cochi Ponzoni racconta i partigiani

Lo spettacolo in programma domenica al teatro comunale ricordeà il valore e il coraggio di chi imbracciò le armi

Cochi Ponzoni, al centro,. insieme all’ex soprano Nicola Pisani, Dino Massa e a Luca Garlaschelli: il quartetto salirà sul palco per la Festa della Liberazione
Cochi Ponzoni, al centro,. insieme all’ex soprano Nicola Pisani, Dino Massa e a Luca Garlaschelli: il quartetto salirà sul palco per la Festa della Liberazione
Cochi Ponzoni, al centro,. insieme all’ex soprano Nicola Pisani, Dino Massa e a Luca Garlaschelli: il quartetto salirà sul palco per la Festa della Liberazione

‘Storie di Resistenza’ è lo spettacolo in programma domenica a teatro Comunale, offerto dall’amministrazione comunale per la 77° anniversario della Festa della Liberazione, il cui programma s’intitola ‘Giornate resistenti’, con riferimento non solo alla storia italiana ma anche all’attualità internazionale, alle vicende ucraine. ‘Storie di Resistenza’, scritto e musicato da Luca Garlaschelli, avrà come protagonista Cochi Ponzoni. "E’ un racconto tra parole e musica – spiegano gli autori – dove si narra di quel rovinoso periodo dell’Italia che va dall’8 settembre 1943 al 25 Aprile 1945, cioè dall’armistizio con gli alleati e la Liberazione dal nazi-fascismo. Una manciata di mesi in cui nacque e si rafforzò in modo definitivo la guerra di Resistenza contro i fascisti italiani alleati all’invasore nazista. In questo periodo spiccarono in valore, coraggio e abnegazione la moltitudine di uomini e donne che intrapresero la difficile scelta della Resistenza". ‘Storie di Resistenza’ narra le vicende di alcuni partigiani illustri come il futuro presidente della Repubblica Sandro Pertini, Giovanni Pesce, Irma Bandiera, Nuto Revelli. Cochi Ponzoni sarà accompagnato da Nicola Pisani (sax soprano), Dino Massa (pianoforte) e dallo stesso Luca Garlaschelli (contrabbasso), autore della musica originale scritta per l’occasione. Il sipario si alzerà alle 17, l’ingresso è libero e gratuito (apertura teatro alle 16.15): sono obbligatorie la ‘certificazione verde Covid-19 rafforzata’ e la mascherina Ffp2. La cerimonia ufficiale si terrà la mattina del 25 aprile, avrà ospite l’ex-presidente della Camera Laura Boldrini, che interverrà alle 11 davanti al municipio con il sindaco e il presidente dell’Anpi, dopo aver deposto una corona di alloro al sacrario. Nel pomeriggio l’inaugurazione della mostra ‘Donne e bambini in un’Europa in guerra (1914-1949)’ allestita nel Campo Fossoli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?