Sulla crisi politica in seno alla maggioranza consigliare (in particolare tra Pd e lista Umpn, Una Mano per Nonantola), prende ora posizione in una nota il Pd. "Partiamo da una precisazione: il Pd non ha mai ammonito", recita tra l’altro la nota. "Casomai ha invitato più volte Umpn a rientrare in giunta. Abbiamo avanzato diverse proposte ad Umpn per cercare di rispondere alle esigenze di...

Sulla crisi politica in seno alla maggioranza consigliare (in particolare tra Pd e lista Umpn, Una Mano per Nonantola), prende ora posizione in una nota il Pd. "Partiamo da una precisazione: il Pd non ha mai ammonito", recita tra l’altro la nota. "Casomai ha invitato più volte Umpn a rientrare in giunta. Abbiamo avanzato diverse proposte ad Umpn per cercare di rispondere alle esigenze di trasparenza e di maggior coinvolgimento nei processi decisionali, come quella di conferire deleghe su progetti specifici ai loro consiglieri. Abbiamo organizzato assieme incontri tra le rispettive segreterie, tavoli di lavoro, momenti di confronto che potessero coinvolgere anche coloro che non sono stati eletti. Abbiamo discusso e condiviso ordini del giorno e crediamo di non aver mai detto dei no preventivi ad eventuali proposte che ci siano state avanzate…Capiamo però che nessuna di queste strade soddisfa le richieste di Umpn, per cui siamo consapevoli che la strada è tortuosa e stretta, ma non ci sottraiamo dal provare a percorrerla, cercando altre soluzioni. Il tema della responsabilità, a nostro avviso però c’è tutto ed è una responsabilità che riguarda tutte le forze politiche, di maggioranza ed opposizione, ma soprattutto coloro che sono stati individuati dai cittadini per amministrare Nonantola e che hanno preso un impegno preciso nei confronti dei cittadini stessi…Quale senso di responsabilità ci sarebbe nella richiesta che Nonantola Libera, nel mezzo delle procedure di rimborso dei danni dall’alluvione, fa al Pd e ad Umpn, vale a dire quella di staccare la spina?...

Accogliamo favorevolmente la dichiarata volontà di Umpn di attenersi al programma di mandato e di impegnarsi per la sua realizzazione. Dal programma che ci accomuna il Pd non intende discostarsi… Ricomporre il fronte progressista nell’ottica di rilanciare una forte proposta di cambiamento è interesse anche del Partito Democratico.

Accettiamo l’invito di Umpn di convergere in un laboratorio programmatico".

m.ped.