Modena, 29 agosto 2021 - Si era spostato proprio per riuscire a vedere meglio il suo amico e per fare il tifo al suo passaggio. Poi, all’improvviso, l’impensabile: l’auto ha perso il controllo (foto) e, planando fino alla collinetta, lo ha travolto in pieno, uccidendolo. Dolore e sconforto, ieri, a Montecenere di Lama Mocogno dove Cristian Poggioli, 35enne originario di Serramazzoni viveva da circa due anni insieme alla fidanzata, Valentina. Il 35enne ha perso la vita insieme al 21enne reggiano Davide Rabotti che, al momento della tragedia, si trovava accanto a lui per assistere alla tradizionale gara. Proprio il rally, infatti, era una grande passione di Cristian che però amava soprattutto il motocross. Ieri mattina il giovane aveva deciso – come pare già avesse fatto in passato – di assistere alle competizioni e di fare il tifo per quell’amico conosciuto a Serramazzoni. Una piccola grande famiglia quella dell’Appennino modenese, come confermano i residenti di Montecenere che sottolineano la sensibilità e la dolcezza che caratterizzavano il 35enne; ragazzo mite, onesto, gran lavoratore e benvoluto da tutti.

Aggiornamento L'inchiesta: 9 indagati

Aggiornamento Incidente rally Appennino reggiano: un video ha ripreso lo schianto

Davide Rabotti morto durante il rally: aveva appena filmato la gara - Il pilota è illeso ma sotto choc. "Forse tradito da un avvallamento" - Incidente rally Reggio Emilia: due spettatori morti. "Non c'erano barriere"

"L’unica cosa che mi viene da dire è che era un bravissimo ragazzo – afferma il titolare del bar tabaccheria di Montecenere – sono ancora sconvolto per l’accaduto. Lo vedevo ogni mattina e ancora devo riuscire a capacitarmene". Cristian aveva appena fatto un ‘salto di qualità’ nel lavoro e in paese, a Lama Mocogno, spiegano quanto fosse felice. "Prima lavorava presso il consorzio agrario dell’Emilia ma aveva iniziato da poco a fare il rappresentante di mangimi per la Progeo – spiegano. – Ce lo aveva raccontato mostrandosi entusiasta". Un altro residente di Lama Mocogno che ben conosceva Cristian ma soprattutto la fidanzata, spiega come il 35enne fosse legatissimo alla famiglia. "Era un ragazzo solare, mite che metteva sempre al primo posto i genitori, che chiamava più volte al giorno e la sorella, così come la compagna con la quale conviveva da due anni ma con cui era fidanzato da diverso tempo. Una tragedia che ha colpito tutti profondamente". Da quanto trapela nella frazione di Montecenere ieri mattina Cristian era arrivato nel Reggiano insieme alla fidanzata che avrebbe assistito impotente alla tragedia. Comprensibilmente i parenti della vittima e la famiglia della giovane, distrutti dal dolore, hanno preferito non commentare la tragedia. A ricordare però con profondo affetto Cristian Poggioli è il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei: "Quando me lo hanno detto non potevo crederci. Tutti i giovedì veniva a Polinago per il consorzio agrario e ci siamo sempre salutati e fermati a chiacchierare. Siamo tutti sconvolti".