Donna sbranata dai cani a Sassuolo: indagine per omicidio colposo
Donna sbranata dai cani a Sassuolo: indagine per omicidio colposo

Modena, 13 ottobre 2021 - Si indaga per omicidio colposo. La Procura di Modena ha aperto un fascicolo dopo la tragedia che è accaduta ieri sera a Sassuolo. Una anziana di 89 anni, infatti, è stata aggredita e sbranata a morte (foto) da due cani nel cortile di una villetta in via Marco Polo.

Aggiornamento Sbranata dai cani a Sassuolo, la badante sarà indagata

Sbranata dai cani a Sassuolo. "Mia madre non si allontanava da sola, badante sconvolta"

Il focus Cane Amstaff: animale da guardia combattivo e scattante - "Con questi animali è fondamentale prevenire"

Una storia tanro incredibile quanto tragica quella che ha visto la vittima Carmen Gorzanelli perdere la vita intorno alle sette di sera. La donna vagava in stato confusionale per la strada (a poca distanza dalla sua abitazione, in via Cristoforo Colombo), quando è entrata all'interno di un cortile di un'abitazione (si era persa e forse voleva chiedere aiuto?) dove c'erano due cani di razza Amstaff che l'hanno assalita e uccisa in pochi istanti. I cani di razza Amsfatt sono molto simili al Pitbull, con il quale condividono la personalità combattiva, pur se il carattere viene ritenuto in linea generale più tranquillo.

Un altro elemento terribile della vicenda è che, forse, c'era anche una bambina ad assistere alla terrificante scena, poichè sembra che una delle figlie dei proprietari stesse aspettando il ritorno della mamma che era uscita. Per questo il cancello era semi-chiuso e l'89enne è potuta entrare all'interno del cortile. Proprio la bimba, sorpresa per la presenza dell'anziana, le avrebbe detto: "Che ci fai qui?", invitandola ad uscire dalla proprietà. Ma la donna non ha fatto in tempo a farlo, perché i due cani di famiglia - forse per proteggere la piccola - le si sono scagliati contro.

Sul posto, carabinieri e polizia e la scientifica per i rilievi del caso. Una spiegazione a questa terribile vicenda forse potrà darla la visione delle telecamere di sorveglianza della villetta che avrebbero ripreso la scena. Da appurare, inoltre, se ci fossero cartelli per segnalare la presenza dei cani di grossa taglia, fermo restando che si trovavano all’interno di una proprietà privata.