Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 giu 2022

"Ecco come il Covid ha colpito tanti anziani"

Una ricerca di Unimore che ha attirato l’attenzione di una rivista del gruppo Nature ripercorre le dinamiche dell’infezione in relazione all’età

22 giu 2022
alberto greco
Cronaca
L’immunologo Andrea Cossarizza
L’immunologo Andrea Cossarizza
L’immunologo Andrea Cossarizza
L’immunologo Andrea Cossarizza
L’immunologo Andrea Cossarizza
L’immunologo Andrea Cossarizza

di Alberto Greco Ricercatori modenesi di Unimore, guidati dall’immunologo professor Andrea Cossarizza, e coadiuvati dalla ricercatrice dottoressa Sara De Biasi e dal dottor Domenico Lo Tartaro, ha portato un altro mattone nella comprensione della origine della forma di infezione da Sars-CoV-2, che spesso ha avuto ed ha gli esiti più infausti dopo l’infezione con il coronavirus. Si è infatti concretizzato uno studio iniziato nel marzo 2020 che, per la prima volta, descrive le principali caratteristiche immunitarie delle cellule presenti nel sangue e nei polmoni di pazienti anziani affetti dalla forma più severa di Covid-19. Lo studio apre la strada alla realizzazione di farmaci e cure che scongiurino l’evoluzione letale della infezione da Sars-CoV-2 e a "personalizzare ancora di più le terapie" afferma Cossarizza. "Va sottolineato che il nostro studio – racconta Cossarizza – è iniziato nel primo anno della pandemia, quando ancora non c’erano i vaccini, il cui uso ha permesso di salvare milioni di persone, soprattutto quelle anziane e fragili. Ma l’attenzione non deve calare, dato che ora abbiamo a che fare con una variante molto infettiva, Omicron BA.5, e purtroppo vediamo quadri molto severi nelle persone che non si sono vaccinate". Fin dall’inizio della pandemia era stato osservato che l’età avanzata era un importante fattore di rischio per lo sviluppo della forma severa della malattia, quella che in tanti casi ha portato all’intubazione o alla morte del paziente. Tuttavia, c’erano pochi dati disponibili sulle cause molecolari delle alterazioni immunologiche. I ricercatori modenesi, pertanto, coadiuvati da medici e ricercatori di Unimore e dell’Aou, tra cui i professori Cristina Mussini e Massimo Girardis, hanno analizzato 64 pazienti con grave infezione da Sars-CoV-2, dei quali 31 con età maggiore di 70 anni e 33 sotto ai 60 anni, per capire meglio il ruolo giocato dal processo di infiammazione cronica (definito ’inflammaging’) che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?