Quotidiano Nazionale logo
15 nov 2021

Focolaio Covid alle elementari Marconi di Castelfranco. "Gita e container hanno influito?"

I dubbi del consigliere regionale Barcaiuolo. Un gruppo di mamme : "Chiudere la scuola"

marco pederzoli
Cronaca
featured image
Scuole elementari Marconi di Castelfranco Emilia

Modena, 16 novembre 2021 - Il caso dei contagi da covid-19 alle scuole Marconi di Castelfranco Emilia approderà anche in Regione. Mentre infatti ci sono diversi genitori ancora in apprensione per la situazione, alcuni dei quali si chiedono anche perché non sia stato chiuso per qualche giorno l’istituto come è avvenuto in altre realtà (lo screening di massa a cui hanno aderito la scorsa settimana 260 studenti è stato fatto sempre a scuole aperte), ha presentato un’interrogazione Michele Barcaiuolo, consigliere regionale di Fratelli d’Italia.

Approfondisci:

Contagi oggi, bollettino Covid 16 novembre 2021. Dati in Emilia Romagna

Approfondisci:

Covid oggi, il bollettino dell'Emilia Romagna del 15 novembre. Dati e contagi

Approfondisci:

Covid, Bonaccini: "Lockdown per i non vaccinati come l'Austria? Discutiamone"

"Premesso che – rileva tra l’altro Barcaiuolo – tutto il complesso di classi si trova a seguire le lezioni all’interno di container, come conseguenza di lavori di ristrutturazione dell’edificio scolastico", rilevato che "fonti riferiscono come, a seguito di una gita scolastica organizzata i primi giorni del mese di ottobre, ben 12 classi (9 il totale per l’Ausl, scese a 3 domenica scorsa, ndr ) siano dovute ricorrere alla quarantena a causa di un nutrito numero di contagi tra studenti e insegnanti", la Giunta Regionale viene interrogata da Barcaiuolo per sapere: "Se la Regione sia al corrente di quanto riportato" e "se c’è la possibilità che i container, per la loro natura, abbiano al loro interno un’umidità maggiore rispetto ad una struttura ordinaria e per questo siano una concausa dell’aumento esponenziale dei contagi". Dall’altra parte, mentre la dirigente scolastica delle Marconi, Vilma Baraccani, ha comunque rilevato che la situazione contagi, rispetto alla settimana scorsa, sta migliorando, il sindaco di Castelfranco, Giovanni Gargano, ha puntualizzato: "All’interrogazione sarà risposto naturalmente in sede istituzionale. Posso comunque invitare fin d’ora il consigliere Barcaiuolo, qualora lo desiderasse, a venire a fare una visita con me alle scuole Marconi, per vedere quelli che sono i nuovi moduli abitativi a tutti gli effetti, che del container hanno solo la forma esterna".

Gargano poi precisa: "Evidenzio anche che sono sempre disponibile a prendere provvedimenti anche drastici, come può essere la chiusura di una scuola, qualora ve ne sia la necessità. Ma il Dipartimento di Salute Pubblica, anche nell’ultima visita, non ha rilevato criticità per arrivare a una tale decisione". Intanto ieri si è fatto sentire anche un gruppo di genitori della II A dell’istituto Marconi, che rivolgendosi al sindaco scrivono: "Riteniamo inappropriate le modalità di azione intraprese. Ricordiamo che in data 11 novembre sono stati predisposti tamponi a tappeto, rivolti a tutte le classi, ad esclusione di quelle già in isolamento e della IIA. Le azioni adottate sono state a nostro avviso incomplete e poco tempestive. Nello specifico, la classe è stata sottoposta a tampone il giorno 13/11, dopo aver appreso della positività di un bambino. Oggi (ieri, ndr), si registrano 9 nuovi contagi. Alla luce di tutto ciò, se fossero state adottate misure diverse, avremmo, forse, registrato un numero di casi contenuto? Auspichiamo che vengano messe in essere azioni decisive che portino alla chiusura della scuola, affinchè si possa procedere in un’ottica di contenimento al contagio…".
La lettera è firmata da: Amarena Caligiuri, Chiara Mauro, Federica Pederzoli, Antonio Crescitelli, Eleonora D’Ambrosio, Monika Wache, Maria Teresa Costante, Roberta Cianniello, Ilham Guerbaz.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?