Aveva cercato insieme a due complici di rubare una maglietta e altri capi di abbigliamento all’interno della Decathlon. Beccato e fermato dalla guardia giurata, l’aveva colpita con calci e pugni ma, durante la fuga, era stato investito accidentalmente nel parcheggio del negozio. E’ stato condannato ieri ad un anno e nove mesi con condizionale della pena un giovane marocchino, clandestino all’epoca dei fatti, accusato di rapina impropria. La vicenda risale ad un anno e mezzo fa. In sostanza lo straniero cercò, insieme a due complici poi fuggiti, di uscire dalla Decathlon con addosso capi rubati. Il gruppo era stato però tenuto d’occhio dal vigilantes che, all’uscita dall’esercizio, aveva cercato di bloccarli. Tra la guardia e il marocchino era scattata la colluttazione e lo straniero, dopo aver colpito il vigilantes, era riuscito a farla franca. Poco dopo, però, era stato travolto da un’auto che stava effettuando manovra nel parcheggio dell’esercizio commerciale. Rimasto ferito il marocchino era stato arrestato: ieri, alla fine, la condanna ad un anno e nove mesi, pena sospesa.