Quotidiano Nazionale logo
11 apr 2022

Futuri genitori, corsi anche in lingua araba

La formazione gratuita online, proposta dall’Ausl, grazie a mediatrici culturali ha garantito la partecipazione di coppie straniere

I corsi di formazione si sono svolti online con la partecipazione di vari esperti
I corsi di formazione si sono svolti online con la partecipazione di vari esperti
I corsi di formazione si sono svolti online con la partecipazione di vari esperti

Come saranno i primi mille giorni di un bambino? Quali sono le vaccinazioni fondamentali e le attività che più lo aiuteranno a formarsi? E’ stato un excursus a 360 gradi quello al centro degli incontri gratuiti online per i futuri genitori, che si sono svolti negli ultimi mesi nel Distretto sanitario di Pavullo e che presto verranno replicati in tutta la provincia. A caratterizzare il progetto, ribattezzato ‘Mamme e papà si… diventa’, sono state le traduzioni delle lezioni in lingua araba e indopakistana grazie alla collaborazione delle mediatrici culturali, che hanno permesso di ampliare la fruizione anche alle future mamme e papà stranieri. Nello specifico, gli incontri sono stati strutturati in due fasi: un primo momento informativo sul tema proposto e una seconda parte più interattiva in cui gli operatori hanno risposto alle domande dei partecipanti. Sono stati numerosi i professionisti coinvolti nella serie di incontri, tra cui ostetriche, pediatri, psicologi, pedagogisti, a cui si è unita la preziosa collaborazione dell’associazione ‘MammaAmica’.

Diversi e importantissimi gli argomenti al centro delle lezioni, tutti rientranti nel tema dei primi 1000 giorni dei nuovi nati: la preparazione al parto, l’allattamento materno, le vaccinazioni, la sessualità in gravidanza, la cura del perineo, il rientro al lavoro.

"E’ stata una sperimentazione molto positiva – spiega Linda Manni, ostetrica e coordinatrice

‘Salute Donna’ – . In media si sono collegate una quindicina di mamme a cui si sono uniti, a volte, i partner facilitati dalla scelta di proporre i corsi, quando è stato possibile, in orari serali. Ottima è stata anche la partecipazione di mamme arabe e indopakistane, che grazie a questo momento hanno creato una chat tra di loro per scambiarsi consigli e informazioni".

"A livello provinciale, attraverso i corsi di accompagnamento alla nascita da remoto, siamo riusciti a garantire la partecipazione a tutte le assistite che ne hanno fatto richiesta ed è in fase di conclusione un tavolo di lavoro specifico in questo ambito – dichiara Anna Maria Mastinu, coordinatrice dei Consultori della provincia –. Speriamo di partire presto con nuove iniziative, un corso dedicato alle coppie, con particolare attenzione al ruolo del padre, e ripetere l’esperienza di Pavullo per le utenti straniere.

Vorremmo proporre incontri monotematici che, con ogni probabilità, verranno organizzati a livello dei vari distretti, ma inseriti in una programmazione provinciale per dare alle donnecoppie la possibilità di partecipare da remoto a tutti gli eventi. Inoltre, è nostro obiettivo proporre corsi di accompagnamento alla nascita in orario serale".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?