Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 giu 2022

Giovane collaudatore resta schiacciato da un macchinario

È successo a Cadelbosco Sotto, nel Reggiano. Il ventiduenne è di Zocca: portato al Maggiore di Parma, versa in gravi condizioni

8 giu 2022

È rimasto con gambe e addome schiacciati tra i rulli di un macchinario, mentre stava svolgendo un’operazione di collaudo per conto di una impresa esterna. Un grave infortunio sul lavoro si è verificato ieri pomeriggio, verso le 15, all’interno della ditta Clevertech (automazione e robotica), con sede in via Brodolini, nella zona industriale Madonnina, tra Zurco e Cadelbosco Sotto, nel Reggiano. Un tecnico di 22 anni, residente a Zocca si trovava in azienda per conto di una società di software, per eseguire un intervento di collaudo a un macchinario. Improvvisamente, mentre si trovava impegnato a contatto con il macchinario per imballaggio di merce su bancali, poggiato al nastro trasportatore, qualcosa deve aver attivato l’impianto, con il giovane collaudatore che si è ritrovato bloccato tra i rulli in metallo, riportando traumi da schiacciamento, in particolare alle gambe.

Secondo una prima segnalazione, infatti, il giovane doveva trovarsi bloccato con parte del corpo tra i rulli, in particolare gli arti inferiori, fino all’altezza del bacino. Una situazione davvero molto pericolosa, che può provocare danni irreparabili. L’impianto è stato subito bloccato, con la presenza dei tecnici manutentori che ha permesso di liberare in tempi brevi il ferito dai rulli, mentre si metteva in moto la macchina dei soccorsi, con l’arrivo dell’ambulanza della pubblica assistenza locale, oltre al personale dell’automedica di Reggio e dell’elisoccorso di Parma (foto), raggiunti dai vigili del fuoco nel caso l’infortunato fosse stato ancora bloccato nel macchinario. Il giovane collaudatore, dopo le prime cure, è stato caricato a bordo dell’elicottero del 118 e trasferito in volo all’ospedale Maggiore di Parma, in condizioni piuttosto gravi. È stato trattato in ’area rossi’, reparto di pronto soccorso per casi gravi.

Antonio Lecci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?