Il Carpi dà quattro calci alla crisi. Per il Mezzolara non c’è scampo

Biancorossi subito aggressivi e in gol dopo 3’ con Saporetti. Poi è un monologo con Sall e Verza a rete

Il Carpi dà quattro calci alla crisi. Per il Mezzolara non c’è scampo

Il Carpi dà quattro calci alla crisi. Per il Mezzolara non c’è scampo

Molinella (Bologna)

Quattro calci alla crisi nel pantano di Molinella, con la faccia sporca e quegli occhi cattivi che erano mancati a Ravenna. Il Carpi si rilancia nel giorno da fuori o dentro per il progetto tecnico targato Motta-Serpini e su un campo in cui la palla viaggia solo con lanci lunghi tira fuori gli artigli, trascinato dai suoi uomini gol Saporetti e Sall, che arrivano insieme a quota 5. Una bella risposta anche in classifica, dove lassù vincono tutte e la vetta resta a -6.

Con 3 novità rispetto al "Benelli" il Carpi la approccia alla grande e dopo 3’ Saporetti calcia dal limite, con la palla deviata da De Meio che scavalca beffardamente Malagoli. E’ la strada giusta, anche perché poco dopo D’Orsi in girata sfiora il sette. Il Mezzolara risponde coi chili di Vassallo che chiama Rinaldini alla parata. Prima del finale Saporetti da sinistra cerca il cross che diventa un tiro, con la palla che scheggia la parte alta della traversa. La squadra di Serpini impatta alla grande anche la ripresa e dopo 28 secondi Saporetti centra da sinistra con il piattone di Sall che si stampa sulla traversa. Ma il gol del senegalese tarda solo 6’ quando da sinistra Forapani e Larhrib dialogano in area, Saporetti calcia a giro con Vecchio che la mura e Sall che in tap in spara in porta il 2-0.

C’è solo il Carpi in campo, Saporetti manda in porta Sall a campo aperto e D’Agata lo affonda, salvato col giallo e non il rosso perché al suo fianco c’era Vecchio. Giusto il tempo che Vassallo scaldi i guanti di Rinaldini due volte, che Verza, lanciato a destra da Sall, scarta anche Malagoli ma da posizione defilata manda sull’esterno della rete. I brividi del minuto numero 13 (uscita a vuoto di Rinaldini, Rossini salva sulla linea l’1-2) diventano urlo di gioia perché sul ribaltamento Verza incorna libero in porta il corner di D’Osi per il 3-0 che chiude la gara con 26’ di anticipo. Anche perché poco dopo D’Agata per un fallaccio su Cecotti si prende il secondo giallo. Con l’uomo in più il Carpi fa poker subito quando Malagoli respinge corta la splendida mezza rovesciata di Mandelli e Sall da avvoltoio non ha problemi a fare doppietta. Nel finale Saporetti si vede annullato il 5-0 regolare per inesistente offside (Calanca crossa all’indietro…), che poi al 92’ Malagoli è super sulla staffilata da due passi di Tentoni.

Davide Setti