Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 mag 2022

Il carpigiano Cremonini di nuovo sul set: "Il mio ruolo nel Dante di Pupi Avati"

Il film sul sommo poeta è stato presentato fuori concorso al festival di Cannes e a metà giugno sarà proiettato a Roma. "Interpreto un cavaliere"

22 mag 2022

Parla anche carpigiano ‘Dante’, il film diretto da Pupi Avati, che racconta la vita di Dante Alighieri, il sommo poeta italiano. Il ruolo di Lottieri da Todi, il comandante dei cavalieri di battaglia nel combattimento contro i ghibellini, è infatti interpretato dall’attore carpigiano Cesare Cremonini.

Nel film è Giovanni Boccaccio (interpretato da Sergio Castellitto), uno dei maggiori cultori e promotori dell’autore della ‘Divina Commedia’ nonché primo biografo di Dante, a raccontare la sua storia. Il film vede Boccaccio impegnato nella stesura del ‘Trattatello in Laude di Dante’ e, durante la scrittura, ripercorre la vita del padre della lingua italiana, soffermandosi sugli eventi che maggiormente hanno segnato la sua esistenza.

Non è la prima volta che il carpigiano Cremonini lavora con il maestro Pupi Avati in uno dei suoi film: "Ho già girato 8 film con lui - racconta l’attore -. C’è noi una grande amicizia, oltre ad un rapporto professionale e di stima reciproca".

Le riprese del film, della durata di 11 settimane, sono state svolte tra Umbria, Marche, Toscana, Emilia Romagna e Roma. Molte scene del film sono state girate all’interno del Castello Baglioni nel comune di Graffignano (Viterbo).

"Il film è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes – prosegue Cremonini – e sarà poi presentato il 16 giugno a Roma. Mi piace molto lavorare con maestri quali Pupi Avati e altri grandi registi americani e inglesi con cui ho girato. Per prepararmi al ruolo di Lottieri ho studiato attentamente il copione e i vari passaggi approfondendo con adeguate ricerche quella che era l’epoca di Dante. Pupi è davvero un grande regista – dice – sempre coerente con se stesso e mai ruffiano. Sicuramente, se ricevesse maggiori sovvenzioni potrebbe fare cose ancora più grandiose", conclude Cremonini.

Lo stesso Cremonini ha scritto un film sull’attuale guerra in Ucraina: "Ho preso spunto dal film di Charlie Chaplin, ‘Il grande dittatore, e l’ho adattato alla drammatica situazione cui stiamo assistendo. Si intitola ’Il grande padrone gentile’, l’ho scritto in inglese. Spero davvero di riuscire a girarlo".

Maria Silvia Cabri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?