CHILI di salumi, tra cui un prosciutto, un cartone colmo di pregiate bottiglie di aceto balsamico ma anche pecorini interi. E’ di svariate migliaia d’euro il bottino col quale è fuggita giovedì notte la banda di ladri che si è introdotta all’interno del noto Agriturismo Cantoni di strada Montanara. Da tempo, infatti, agriturismi, ristoranti o comunque locali sono nel mirino di bande di professionisti che puntano ai prodotti agroalimentari probabilmente con l’intento di piazzarli sul mercato parallelo. Ad accorgersi del colpo è stato il titolare, Federico. «Ero da poco...

CHILI di salumi, tra cui un prosciutto, un cartone colmo di pregiate bottiglie di aceto balsamico ma anche pecorini interi. E’ di svariate migliaia d’euro il bottino col quale è fuggita giovedì notte la banda di ladri che si è introdotta all’interno del noto Agriturismo Cantoni di strada Montanara. Da tempo, infatti, agriturismi, ristoranti o comunque locali sono nel mirino di bande di professionisti che puntano ai prodotti agroalimentari probabilmente con l’intento di piazzarli sul mercato parallelo.

Ad accorgersi del colpo è stato il titolare, Federico. «Ero da poco rientrato a casa, intorno alle 6 e pare se ne fossero andati poco prima, infatti la telecamera ha segnalato l’intrusione alle 5.15. Secondo me hanno agito almeno in tre, perchè hanno portato via praticamente tutti i prodotti che avevo: trenta chili di salutmi tra cui una mortadella, un prosciutto intero e otto salami. Non contenti si sono presi una trentina di bottiglie di aceto balsamico tradizionale e pecorini interi, insieme ad altri formaggi». Per introdursi nel noto agriturismo i balordi hanno forzato la porta, utilizzando probabilmente un cacciavite o un piede di porco. «Si sono assicurati un bel bottino – afferma Federico amareggiato – anche perchè, oltre ai prodotti, sono riusciti a scassinare anche la cassa portandosi via decine di euro e tutte le monete. Ripulito l’agriturismo sono quindi saliti in casa - vivo al piano di sopra - e hanno messo tutto a soqquadro. Quando si sono accorti della presenza delle telecamere, prima di allontanarsi ne hanno quindi portata via una, danneggiando il sistema di videosorveglianza». Pare che l’allarme non sia partito poichè i malviventi hanno preventivamente staccato la corrente. «Evidentemente sapevano come agire e si sono resi conto che non ero in casa. Non escludo mi abbiano seguito. Hanno comunque agito in una trentina di minuti ma il danno è ingente. E per fortuna non ero a casa: spesso queste bande sono violente e non si sa mai cosa possa succedere».

Il titolare ha immediatamente avvisato i carabinieri che, poco dopo, hanno effettuato un sopralluogo nello stabile. «Se aggiungiamo il furto di prodotti, i danni e le banconote che si sono portati via la cifra è ingente. Ed è anche una questione emotiva: sapere che hanno messo le mani ovunque. Purtroppo da tempo la proprietà privata non è più tale e si lavora col terrore di ricevere visite sgradite». Purtroppo sono numerosi i colpi messi a segno negli esercizi commerciali dalle bande di ladri negli ultimi mesi e i danni causati ai ristoratori in particolare sono sempre ingentissimi. Le bande, infatti, vanno a colpo sicuro soprattutto all’interno degli agriturismi dove sanno di poter trovare prodotti tipici e per questo di valore in grandi quantità. Episodi che rischiano anche di mettere in ginocchio le attività, bersagliate da continui colpi non sempre coperti da assicurazione.