Quotidiano Nazionale logo
23 mar 2022

Il Panathlon cerca aiuti per i profughi in arrivo

La raccolta fondi servirà per l’assistenza psicologica a mamme e bambini. Nella serata al GreenLab Kerakoll, nominato socio onorario Julio Velasco

Una serata per riaffermare il ruolo del Panathlon Modena sempre impegnato in progetti di solidarietà, ma anche per incontrare il mondo dello sport e in particolare del volley, con Julio Velasco nominato socio onorario dal club presieduto da Maria Carafoli.

Tutto questo nell’avveniristico GreenLab Kerakoll di Sassuolo.

Un appuntamento iniziato con il saluto di Emilia e Fabio Sghedoni, anche a nome di Romano e della moglie Luciana, presenti in sala, e condotto dalla presidente del club modenese Maria Carafoli. Durante l’evento sono stati raccolti fondi per l’assistenza psicologica a mamme e bambini ucraini, come illustrato dalla dottoressa Giorgia Pifferi, direttrice del Settore Psicologia clinica e di comunità di Ausl Modena, che conduce il progetto in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna.

E proprio il presidente della Regione Stefano Bonaccini, salutando soci Panathlon e ospiti, tra cui diversi rappresentanti delle istituzioni come il generale Davide Scalabrin, comandante dell’Accademia Militare di Modena, la consigliera regionale Francesca Maletti e l’assessore del Comune di Modena Andrea Bosi, ha illustrato alcuni dei grandi eventi sportivi che nei prossimi mesi verranno ospitati sul nostro territorio.

A seguire, la chiacchierata a tutto tondo tra Velasco e Leo Turrini. Un dialogo ricco di aneddoti, che ha toccato il rapporto del tecnico argentino con la madrepatria (tra i presenti Cristina Elizabeth Perez, moglie del costruttore di supercar, Horacio Pagani) e spunti sull’attualità, non solo sportiva, grazie alla partecipazione di diversi dei numerosi ospiti: da un grande ex del volley modenese come Juan Carlos Cuminetti, argentino come Velasco e assoluto protagonista nella Daytona volley negli anni 90, ai piloti Sergio Campana e Andrea Bertolini, quest’ultimo “tutor” di Charles Leclerc ai tempi della Ferrari Driver Academy.

Serata dicevamo con i riflettori accesi anche su Modena Volley, capeggiata dal presidente Catia Pedrini, dal direttore generale Andrea Sartoretti e i giocatori Nimir Abdel-Aziz, Salvatore Rossini e Riccardo Gollini. Un uscita pubblica per i gialloblù chiamati a riscattare una stagione opaca a partire dai prossimi playoff che scatteranno domenica prossima.

Sul palco, quattro meravigliosi dipinti a tema Ferrari dell’artista e socio Panathlon Alessandro Rasponi, che ha donato due sue opere al presidente Bonaccini e a Julio Velasco.

Tra i presenti, come spesso accade nelle serate del Panathlon, numerosi rappresentanti del mondo imprenditoriale come Stefano Rossetti e Giuseppe Sibilla, rispettivamente vice direttore generale vicario e direttore territoriale Emilia Ovest di BPER Banca, l’amministratore delegato di Kerakoll Andrea Remotti, Antonio Panini e Paolo Galassin di Usco. Alla serata Panathlon hanno preso parte anche il presidente del Sassuolo Calcio Carlo Rossi, Vincenzo Credi, vicepresidente regionale FIGC e presidente Aci Modena, Eugenio Gollini, consigliere nazionale FIPAV.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?