Degrado e insicurezza anche in centro storico. A farsi sentire sono i residenti di piazza Matteotti, vicolo Caselline, via Ganaceto e parte di via Taglio. "Ci piacerebbe – scrivono in una lettera – che sindaco, questore e prefetto abitassero in centro storico e avessero figli adolescenti. Forse si renderebbero conto di quello che accade veramente qui di notte. Siamo...

Degrado e insicurezza anche in centro storico. A farsi sentire sono i residenti di piazza Matteotti, vicolo Caselline, via Ganaceto e parte di via Taglio. "Ci piacerebbe – scrivono in una lettera – che sindaco, questore e prefetto abitassero in centro storico e avessero figli adolescenti. Forse si renderebbero conto di quello che accade veramente qui di notte. Siamo circondati da nordafricani, anche di giorno, che spacciano, fanno risse e atti vandalici, danneggiando senza rispetto e timore di nessuno. Se chiami la polizia municipale, arriva quando tutto è già finito. Dai nostri balconi assistiamo ogni giorno a scene di spaccio e la sera, se i nostri figli escono, magari per trascorrere le serate nei locali della Pomposa, dobbiamo poi scortarli a casa". I cittadini si lamentano in particolar modo per le condizioni in cui versano due passaggi strategici per gli spacciatori: la scalinata tra piazza Matteotti e via Taglio e la rampa tra la piazza e vicolo Caselline: "Da qui scappano in bicicletta. E poi c’è la giostra – aggiungono – dietro la quale si nascondono quando le auto della polizia o dell’esercito passano in via Emilia. Tra l’altro le forze dell’ordine girano sempre in macchina senza poter accedere a questi passaggi attraverso i quali i nordafricani scappano invece facilmente in bici o a piedi". I cittadini fanno poi riferimento alle baby gang che hanno creato scompiglio in piazza Roma: "Non siamo molto lontani – spiegano – Oltre ai dehor dei locali frequentati dai modenesi e la cosiddetta movida c’è un’altra realtà, quella che abbiamo descritto, che le istituzioni non vogliono vedere. A cui contribuiscono i negozi etnici, molto diffusi, che vendono alcoli e superalcolici anche ai minorenni e a tutte le ore. Crediamo che ormai siano diventate urgenti misure efficaci per tutelare i cittadini e ridare vivibilità ad alcune zone della città, compreso il centro storico".