Modena, 9 marzo 2020 - E' scattata la rivolta, ieri, nel carcere Sant'Anna di Modena (video): tre i morti. Secondo fonti dell'amministrazione penitenziaria, non è risultato alcun segno di lesione sui corpi delle vittime. Due decessi, infatti, sarebbero riconducibili all'uso di stupefacenti. Alcuni prigionieri, infatti, si erano appropriati di medicinali dalla farmacia interna. Il terzo detenuto, invece, è stato rinvenuto in stato cianotico, e non si conoscono le cause del decesso. Sono in corso le indagini. 

AGGIORNAMENTO Morti e feriti, il bilancio il giorno dopo

Giornata di tensione

Oltre 100 detenuti sono stati i protagonisti della rivolta con incendi di materassi e lancio di oggetti agli agenti di polizia penitenziaria. Dalla prigione si è levato un denso fumo nero: i detenuti hanno appiccato il fuoco e tentato la fuga. C'è stata una maxi mobilitazione delle forze dell'ordine, molti anche i pullman di agenti in tenuta antisommossa. Per sedare la rivolta sono stati chiamati anche agenti liberi dal servizioIngenti i danni alla struttura.

image

Rivolta in carcere anche a Reggio Emilia

Alla base della rivolta la protesta per questioni relative alla protezione dal Coronavirus, in particolare lo stop alle visite che sarebbe contenuta nel nuovo decreto.

image

La tensione è stata alta per tutta la giornata: i detenuti si sono barricati dentro la struttura e hanno bruciato i presidi sanitari. Alcuni, poi, durante la giornata hanno lasciato la protesta e sono stati trasferiti in un'altra ala del carcere. In tanti sono stati trasferiti in altre carceri, ovvero quelli che erano riusciti a raggiungere il cortile, per tentare di evadere. Sul posto è giunto anche il prefetto di Modena Pierluigi Faloni.

LEGGI ANCHE Coronavirus, carceri in rivolta. Da Modena a Frosinone a Poggioreale

image