Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

"La giunta ci ignora, il campetto va difeso"

Pavullo, riesplode la polemica sull’area verde dove sorgerà la Casa della Comunità: "Insorgano gli ambientalisti"

Ancora polemiche sulla futura Casa della Comunità di Pavullo. Il silenzio di questi giorni era solo apparente: è bastata una nuova foto apparsa sui social nelle ultime ore a riaprire immediatamente la questione. E le critiche. Questa volta, immortalate dai residenti, ci sono alcune tende del gruppo boy-scout nell’area verde dove, stando allo studio di fattibilità, dovrà sorgere la nuova struttura. Da qui la polemica per la scelta di sottrarre a bambini e ragazzi un campetto "da 40 anni adibito ad attività ricreative, culturali, religiose", scrive il residente autore del post. Questo il primo motivo, insieme ai problemi di viabilità in un quartiere prettamente residenziale, che avevano portato alla costituzione nelle scorse settimane di un comitato ad hoc. 300 le firme portate in Comune il 9 aprile per chiedere un confronto col primo cittadino: "Il sindaco Davide Venturelli non ha mai risposto alla richiesta di organizzare un incontro con noi residenti – spiega Alessandra Gianelli, tra i referenti della petizione –. A quanto pare continua a trincerarsi nel silenzio, avendo scelto di mantenere questa posizione senza arretrare di un millimetro. Mercoledì scorso ho anche mandato un sollecito a mezzo mail, ma ancora non è pervenuta una risposta. A questo punto, data la sua mancanza di interesse, cercheremo direttamente noi di andare a fondo ad alcune questioni: chiederemo documentazione ed accesso agli atti del consiglio comunale del 22 febbraio (data della delibera al cambio di destinazione del terreno, da attrezzature religiose a servizi pubblici). Oltre a tutti i problemi di viabilità e parcheggio, si rischia di sottrarre l’unico spazio ricreativo gratuito del paese per i ragazzini. É sotto gli occhi di tutti, a differenza di quanto riferito dal sindaco, che il campetto è sempre stato utilizzato e lo è tuttora. Per di più, se come ventilato durante il primo ed unico incontro pubblico alla Virtus verrà previsto un accesso alla struttura da largo Messerotti, anche il parco ‘Martiri delle Foibe’ sarebbe ridimensionato. Ci appelliamo anche a tutte le organizzazioni ambientaliste, ai gruppi consiliari, alle forze sociali e politiche: chiediamo di sostenerci e di essere al nostro fianco per questa battaglia di civiltà e per l’ambiente".

Venturelli si difende dalle accuse e promette una data nelle prossime ore: "La mia disponibilità resta immutata. A causa di problemi di salute di alcune figure impegnate nel progetto si sono allungate le tempistiche: comunicherò già domani (oggi per chi legge, ndr) la data dell’incontro".

Riccardo Pugliese

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?