Quotidiano Nazionale logo
12 apr 2022

L’ennesimo autobus avvolto dalle fiamme

Paura ieri all’alba in tangenziale, l’autista accosta e si mette in salvo. Nessun altro a bordo. Seta apre una nuova indagine interna

valentina reggiani
Cronaca
I vigili del fuoco mentre spengono l’autobus in fiamme in tangenziale
I vigili del fuoco mentre spengono l’autobus in fiamme in tangenziale
I vigili del fuoco mentre spengono l’autobus in fiamme in tangenziale

di Valentina Reggiani

Quando si è accorto delle fiamme ha avvisato la centrale operativa e ha cercato con l’estintore di spegnere il rogo, in attesa che arrivassero i pompieri. I vigili del fuoco in pochissimo tempo sono arrivati sul posto ma l’incendio è stato velocissimo e devastante: in pochi istanti infatti ha ‘divorato’ l’intero mezzo. Ancora un autobus Seta a fuoco, ieri mattina, sulla tangenziale. L’incendio si è verificato intorno alle 6.20 nel tratto compreso tra via Emilia Est e via Vignolese, in direzione Bologna. Non si sono registrati fortunatamente feriti: al momento del rogo a bordo del mezzo era presente solo il conducente. Infatti l’autobus era era uscito da pochi minuti dal deposito di Strada Sant’Anna ed era diretto verso il capolinea di via Latina, dove avrebbe preso servizio sulla linea 4. L’autista ha subito notato lo sprigionarsi delle fiamme e ha accostato il mezzo ai lati della strada. Pochi minuti dopo sul posto erano presenti due squadre dei vigili del fuoco ma il rogo aveva già distrutto l’intero mezzo che ora sarà sottoposto ad un’indagine interna, al fine di determinare le cause dell’incendio. Si tratterebbe di un autobus regolarmente sottoposto agli interventi di manutenzione programmata, nonchè alle revisioni annuali obbligatorie. Sul posto ieri mattina sono intervenute anche le pattuglie della polizia locale che hanno deviato il traffico su una sola corsia, al fine di permettere lo spegnimento del rogo e la rimozione del mezzo. A causa dell’incendio si sono inevitabilmente formate lunghe code in tangenziale, che si sono protratte fino alle prime ore del pomeriggio.

"In attesa degli esiti dell’indagine interna, Seta rileva che negli ultimi due anni la flotta aziendale è stata sottoposta ad un impiego più intenso rispetto al periodo pre-pandemico – dice l’azienda – , a causa delle norme disposte a livello nazionale che hanno imposto una riduzione della capienza massima consentita dei mezzi, a cui si è sommato l’aumento delle corse. Per garantire il servizio a tutti gli utenti è quindi necessario utilizzare in maniera più intensa i mezzi disponibili. Ciò sta comportando un maggiore stress complessivo delle flotte".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?