Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Marina Cicogna, all’Astra un’esistenza da film

Stasera la produttrice cinematografica presenta il documentario sulla sua vita. La contessa, protagonista del jet set, ha lavorato con i più grandi registi

stefano marchetti
Cronaca

di Stefano Marchetti

Signora dei set, e anche del jet set, Marina Cicogna ha davvero il cinema nel dna: il suo nonno materno era il Conte Giuseppe Volpi, creatore della Mostra del cinema di Venezia, dunque per lei è stato quasi destino diventare protagonista nell’universo della settima arte. Tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta, la contessa Cicogna si è affermata come produttrice cinematografica, la prima donna a imporsi in un mondo prettamente maschile: volitiva, determinata e di carattere, Marina Cicogna ha lavorato con registi come Pier Paolo Pasolini e Sergio Leone, Vittorio De Sica e Francesco Rosi, Liliana Cavani e Lina Wertmüller, e ha prodotto "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto" di Elio Petri che nel 1971 ha vinto l’Oscar come miglior film straniero.

E con la sua macchina fotografica, negli anni, ha ritratto tanti degli artisti che ha incontrato, da Brigitte Bardot a Marcello Mastroianni, Luchino Visconti, Catherine Deneuve e Liz Taylor. Anche la sua è – alla lettera – una vita da film: stasera alle 20 al cinema Astra di via Rismondo verrà infatti proiettato il docufilm "Marina Cicogna - La vita e tutto il resto" (presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma), durante una serata-evento con l’intervento della contessa Cicogna, del regista Andrea Bettinetti e del produttore Riccardo Biadene, e la conduzione di Ettore Tazzioli.

Nel documentario si ripercorrono episodi della vita di Marina Cicogna, i rapporti con il padre e la madre, la tragica morte del fratello Bino che si era trasferito a Rio de Janeiro, le sue scelte sentimentali. E ovviamente i suoi lavori. "Io volevo fare film con gente che pensavo avesse talento ma non era ancora arrivata – spiega Marina Cicogna nel documentario –. Li facevo perché mi sembrava che quelle combinazioni di registi, attori e storie potessero funzionare". Numerose opere che ha prodotto sono pietre miliari del cinema italiano: basti citare "La classe operaia va in paradiso" o "Mimì metallurgico ferito nell’onore", "Medea" di Pasolini e "Fratello sole Sorella luna" di Zeffirelli. Il docufilm racconta la contessa anche attraverso la voce di alcuni amici come Franco Nero, Jeremy Irons, Ornella Vanoni, Diane Von Fürstenberg e lo stilista Alessandro Michele: "Marina è sempre rimasta fedele a se stessa – dice di lei Frédéric Mitterrand, ex ministro della cultura francese –. Chic ma comunque ribelle". Nel film ‘parlano’ anche i luoghi di appartenenza della contessa, in particolare Roma e Venezia. Anche Modena è entrata a far parte delle città del cuore della contessa: "Ho scoperto Modena attraverso un’amica e mi è piaciuta – ci rivelò in un’intervista –. Mi piacciono le persone, mi piace molto la dimensione della città. Nelle grandi città si va volentieri, ma poi ti prende un senso di soffocamento: hai voglia di andare in luoghi dove puoi avere relazioni vere".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?