Mercato Per gli ultimi colpi, ecco Sartoretti

Sarà lui a condurre le operazioni già in parte iniziate: da risolvere il nodo dei centrali, i dubbi su Davyskiba e l’arrivo di un libero

Mercato Per gli ultimi colpi, ecco Sartoretti

Mercato Per gli ultimi colpi, ecco Sartoretti

Mentre Modena aspetta una Catania con la quale i destini si incroceranno in sede di mercato, visto che Buchegger è già stato opzionato da Modena come opposto per la prossima stagione e Orduna potrebbe finire alla Lube a far da chioccia a Boninfante, ceduto per prendere De Cecco, comincia sempre più a delinearsi la Valsa Group della stagione 2024/2025, non solo in campo ma anche in panchina e nei ruoli dirigenziali, anche se con qualche punto interrogativo bello grosso. Intanto i cambiamenti sono interni alle competenze.

Non cambieranno ruoli assegnati sulla carta, ma è ormai conclamato che Andrea Sartoretti, dopo l’esonero di Petrella, abbia ripreso in mano anche una parte della direzione sportiva. Non è un caso che ci fosse lui, assieme a coach Alberto Giuliani, a parlare a Podrascanin nella sala pesi del PalaTrento dopo il match di campionato ed è tramite lui che la società sta chiudendo per prolungare il contratto al tecnico marchigiano anche per la prossima stagione. A Sartoretti saranno affidate le trattative per il ritorno di Sapozhkov in Russia, possibilmente senza pagare penali al Novosibirsk, nonché altre operazioni che potrebbero vedere protagonisti alcuni giocatori in uscita: con Marko Podrascanin in arrivo per due anni, rimarrà Anton Brehme a giocarsi il posto con un cliente oggi più scomodo di Dragan Stankovic?

La logica direbbe di no. Il tedesco però è ancora sotto contratto, un contratto oneroso (si parla di 150mila euro a stagione), ha dalla sua il fatto di avere 12 anni in meno di ‘Potke’ ma è evidente che tre titolari così di peso nel ruolo (due stranieri), soprattutto se Modena non avrà coppe da giocare, sembrano un’esagerazione anche economica. Sul capitolo alzatore la partita è già chiusa (De Cecco), su quello opposto Buchegger è già stato preso e a questo punto sembra essere destinato a fare il titolare, con un’alternativa credibile dietro. Juantorena sta per firmare il rinnovo, Rinaldi rimarrà come pilastro e anche in quanto italiano, i dubbi possono esistere solo su Davyskiba: cosa decideranno di fare il bielorusso e la società e nel caso come lo utilizzerà coach Alberto Giuliani? Infine il capitolo libero: Modena ha sondato il terreno anche per altri nel ruolo, visti anche i guai fisici di Federici, ma per ora non sono arrivate indicazioni su un cambio.

Alessandro Trebbi