Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Mercoledì Santo, torna la messa crismale

Oggi alle 18 in Duomo la consacrazione degli olii con l’arcivescovo Castellucci

La pandemia ha sconvolto le nostre vite e anche i calendari delle ricorrenze. Per due anni la Messa crismale (durante la quale vengono consacrati gli olii destinati ai sacramenti come il battesimo o la cresima) non si è potuta celebrare il Mercoledì Santo e si è dovuta posticipare: quest’anno invece ritrova la sua giornata definita. Oggi pomeriggio alle 18 in Duomo, tutti i sacerdoti e i ministri istituiti dell’arcidiocesi di Modena si riuniranno con l’arcivescovo Erio Castellucci per un momento speciale di preghiera e di comunione. La cerimonia (che sarà preceduta già alle 16, sempre in Cattedrale, dal ritiro generale del clero modenese) avrà il suo culmine appunto nella consacrazione degli olii santi: "L’olio dei catecumeni verrà presentato all’arcivescovo da due genitori che si preparano al battesimo dei loro figli o da due catecumeni adulti – ha ricordato su ‘Nostro Tempo’ monsignor Luigi Biagini, arciprete della Cattedrale e Maestro delle celebrazioni liturgiche –, l’olio degli infermi sarà portato da due an ziani o ammalati, mentre due cresimandi recheranno all’altare il Sacro Crisma. Il pane e il vino per l’Eucaristia sarà portato da ragazzi che si preparano a ricevere la Prima Comunione".

Proprio perché abbraccia tutto il clero, la Messa crismale è anche l’occasione per celebrare con gioia gli anniversari di ordinazione di vari sacerdoti. Quest’anno si ricorderanno i 10 anni di sacerdozio di padre Justin Francis Berkmans (Giuseppino), i 25 anni di padre Marie Ghislain Katusele Nzanzu, i 50 anni di don Giorgio Bellei, i 60 di don Franco Malagoli e di padre Tarcisio Pornaro (Giuseppino) e i 70 di don Luigi Barbieri e don Paolo Ghidi. Un saluto speciale sarà rivolto ai decani don Elvino Lancellotti (98 an ni) e don Guido Zini (97 anni). Verranno ricordati anche i dieci anni da diacono di Eros Benassi e Obeng Boateng. Con la Messa di oggi, il cammino verso la Pasqua entra nelle sue giornate più intense. Domani saremo già nel Triduo pasquale e l’arcivescovo celebrerà alle 18 in Duomo la Messa ‘in Coena Domini’. Venerdì, sempre alle 18, si terrà in Cattedrale la solenne azione liturgica in ricordo della Passione di Cristo, e sabato alle 21.30, sempre in Duomo, la Veglia pasquale della Resurrezione del Signore.

Questa sera alle 20.30 Messa crismale anche in Cattedrale a Carpi.

s. m.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?