Adriana Spazzoli e Giorgio Squinzi, in una foto d'archivio Frasca
Adriana Spazzoli e Giorgio Squinzi, in una foto d'archivio Frasca

Modena, 22 novembre 2019 - E' morta ieri sera a Milano Adriana Spazzoli, moglie di Giorgio Squinzi, a un mese e mezzo dalla scomparsa del marito. Aveva 71 anni. L'ex presidente degli industriali italiani, fondatore e amministratore della Mapei, patron della squadra ciclistica, che della Mapei portava il nome nonché proprietario del Sassuolo calcio, era morto a Milano all’età di 76 anni lo scorso 2 ottobre.

La vedova Squinzi era malata da tempo e dopo l'addio al marito le sue condizioni di salute erano peggiorare ulteriormente. Adriana Spazzoli era forlivese, si era sposata con Squinzi nel 1971 alla Pieve di Polenta nel comune di Bertinoro (Forlì Cesena). Gli Squinzi lasciano i figli Marco e Veronica, da tempo già impegnati nella Mapei.

 

 

 

"A fianco del marito ha saputo fare cose immense tanto nel mondo imprenditoriale quanto nello sport, con la professionalità di un manager capace e, al tempo stesso, il sorriso dolce di una donna gentile. Da lei arrivano alcune delle intuizioni più felici, in termini di marketing e comunicazione, che hanno trasformato un Sassuolo con pochi tifosi e scarse speranze di salvezza in C2 in una squadra ammirata in tutto il mondo, la 'seconda squadra' di molti italiani", è il ricordo del sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani, riferendosi anche all'imepgno che Adriana Spazzoli ricopriva nel Sassuolo Calcio, di cui era vice presidente.

"Ancora una volta la città di Sassuolo piange una grande persona - dice Menani ricordando proprio la recente scomparsa di Squinzi - Colei che assieme al marito ha saputo trasformare un sogno in una splendida realtà regalandole palcoscenici prestigiosi". 

“Ancora una triste notizia che mai avremmo voluto avere: ancora una volta la città di Sassuolo piange una grande persona, colei che assieme al marito ha saputo trasformare un sogno in una splendida realtà regalandole palcoscenici prestigiosi”.

Con queste parole il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani ricorda Adriana Spazzoli. “A fianco del marito – prosegue il sindaco – ha saputo fare cose immense tanto nel mondo imprenditoriale quanto nello sport, con la professionalità di un manager capace e, al tempo stesso, il sorriso dolce di una donna gentile. Da lei arrivano alcune delle intuizioni più felici, in termini di marketing e comunicazione, che hanno trasformato un Sassuolo con pochi tifosi e scarse speranze di salvezza in C2 in una squadra ammirata in tutto il mondo, la “seconda squadra” di molti italiani. Ai figli Marco e Veronica– conclude il Sindaco – al Sassuolo Calcio ed ai tanti amici che ha lasciato in città, vanno le più sincere e sentite condoglianze a nome dell’Amministrazione comunale e dell’intera città”.