Inutile il volo dell'elisoccorso
Inutile il volo dell'elisoccorso

Bomporto (Modena), 18 novembre 2018 - Il suo cuoricino ha smesso di battere in un tardo pomeriggio di novembre. Una domenica come tante altre, scandita dai soliti ritmi. Il pranzo con la famiglia, gli ultimi compiti da terminare, lo zaino da preparare per essere pronta per una nuova settimana di scuola.

AGGIORNAMENTO Bomporto, bambina morta a 11 anni. Dolore a scuola per Noemi

Ma ieri le cose non sono andate così. E lei, appena 11 anni, a scuola non ci andrà più. E’ calata la più totale disperazione a Sorbara di Bomporto. Familiari, vicini di casa, amici, non riescono a rassegnarsi. Ma la disperazione più grande, inconsolabile, è quella dei genitori. Sono stati loro a fare la terribile ‘scoperta’, quella che nessuno vorrebbe fare mai. Trovare il corpicino della proprio figlia riverso a terra senza vita.

Erano circa le 17.45: l’orario della merenda. Non vedendo arrivare in soggiorno la propria figlioletta, i coniugi si sono avvicinati alla porta della sua camera da letto. I ragazzini, specie le femmine, fanno così: si chiudono in camera a guardare la televisione o il tablet, persi nei loro pensieri. Ma da dietro quella porta chiusa i genitori non hanno udito alcun rumore. Silenzio assoluto. L’hanno chiamato, hanno bussato. Sono entrati in camera.

In quell’istante il loro mondo è finito, stravolto per sempre. Davanti ai loro occhi hanno visto la piccola, riversa a terra, senza apparenti segni di vita. Immediatamente hanno chiamato i soccorsi: sul luogo in brevissimo tempo sono arrivate due ambulanze, un’automedica e la polizia municipale. Nelle vicinanze è atterrato anche l’elisoccorso. Tutto, drammaticamente, inutile.

Per lungo tempo i sanitari hanno cercato di rianimarla, di fare ripartire il suo cuore, ma invano. Senza appello la tragica sentenza: arresto cardiocircolatorio. La spensieratezza di una ragazzina di 11 anni che frequentava le scuole medie, se ne è andata ieri pomeriggio. Lei, già provata dalla vita: nei primissimi mesi di esistenza era stata infatti sottoposta ad un delicatissimo intervento di trapianto al cuore.

Quel cuoricino che ieri ha smesso di battere, gettando tutti nella disperazione. In serata il corpo dell’11enne è stato trasportato al Policlinico di Modena dove è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria. Probabilmente verrà disposto l’esame autoptico sulla salma della ragazzina, per comprendere le ragioni che hanno portato via, in un pomeriggio soleggiato di novembre, un’esistenza piena di voglia di vivere e crescere.