LA NOTTE bianca si farà, con o senza pioggia. Si respirava un certo malumore, in questi giorni, tra i commercianti del centro storico per quella serata che tutti attendono e che rischia di essere rovinata dal maltempo. Ma, alla fine, ieri il sindaco Muzzarelli ha incontrato i negozianti trovando con gli stessi un compromesso per sabato che pare aver messo tutti d’accordo. I concerti che, causa pioggia, potrebbero saltare, infatti, potranno essere ‘recuperati’ il prossimo 21 giugno in occasione della Festa Europea della...

LA NOTTE bianca si farà, con o senza pioggia. Si respirava un certo malumore, in questi giorni, tra i commercianti del centro storico per quella serata che tutti attendono e che rischia di essere rovinata dal maltempo. Ma, alla fine, ieri il sindaco Muzzarelli ha incontrato i negozianti trovando con gli stessi un compromesso per sabato che pare aver messo tutti d’accordo. I concerti che, causa pioggia, potrebbero saltare, infatti, potranno essere ‘recuperati’ il prossimo 21 giugno in occasione della Festa Europea della musica. Una notte bianca senza note, insomma ma che, alla fine, si ‘ripete’ a distanza di un mese. Una sorta di bis che piace. «Il messaggio chiaro – afferma il primo cittadino – è che Modena è aperta. Sabato, in occasione del Nessun Dorma, notte Europea dei musei e notte bianca, la città resterà aperta. Cittadine e famiglie modenesi, visitatori e turisti devono sapere che troveranno centinaia di iniziative sino a tarda sera, in cui tra l’altro proseguirà il Motor Valley Fest. Ci siamo trovati in municipio per fugare ogni dubbio: il rinvio per maltempo non è e non sarà all’ordine del giorno». Raccolte le perplessità di alcuni commercianti, infatti, Muzzarelli ha dato loro la possibilità di spostare eventualmente i concerti al 21 giugno. «Come è stato osservato, Modena ha 169 iniziative in un anno e molte di rilievo nazionale o internazionale. Dopo il Motor Valley Fest è previsto l’arrivo del Giro d’Italia il 21 maggio, mentre in estate sono in programma la Festa Europea della Musica (21 giugno) e la Notte Gialla, in ricordo del concerto di Vasco Rossi al Modena Park». (1 luglio, con possibile anticipo a sabato 29 giugno). A sottolineare come, alla fine, sia stato trovato il giusto compromesso è Alessio Bardelli, presidente Sanfra: «La notte bianca ci sarà e, nel caso in cui gli artisti causa maltempo non si esibiscano, i concerti saranno recuperati il 21 giugno. L’Amministrazione ha fatto presente come non si possa slegare la notte bianca dalla notte Europea dei musei ma è stata comunque suggerita una valida alternativa». D’accordo anche Mauro Rossi, presidente Confesercenti. «Il sindaco si è mostrato dispobibile nei confronti dei commercianti, spiegando agli stessi che se, per questioni di pioggia non saranno in grado di organizzare eventi esterni, potranno comunque realizzarli il 21 giugno. Abbiamo già gli hotel pieni e tantissimi turisti approderanno in città proprio questo week end: tenere chiuso non avrebbe avuto senso e certo non sarebbe un buon biglietto da visita. Non possiamo tirarci indietro – commenta ancora Rossi – Modena è una città aperta ed è questo il messaggio che deve passare».