"Non abbiamo provato a reagire: sono deluso"

I giocatori del Carpi e il loro staff sono rimasti a lungo negli spogliatoi dopo essere stati contestati dai tifosi. Il dg Bonzanini ha commentato amareggiato la sconfitta, sottolineando come la squadra non abbia mostrato la fame necessaria per vincere. Responsabilità collettive e l'importanza di dimostrare qualcosa con i fatti ogni giorno.

Contestati dai tifosi a fine gara sotto il settore ospiti, i giocatori del Carpi con mister Serpini e il suo staff sono rimasti a lungo negli spogliatoi del "Benelli" e l’unico commento a fine gara è quello molto amareggiato del dg Enrico Bonzanini. "Dopo alcune occasioni sprecate in avvio – spiega – sull’1-0 siamo stati ingiustificabilmente molli non riuscendo più a riprendere il filo. Alla squadra non perdono di non averci nemmeno provato nel secondo tempo. Il Ravenna ha fatto vedere una fame clamorosa, ci hanno messo qualcosa in più perché volevano dimostrare qualcosa e noi no. E quella è la colpa più grande. Riflessione sul mister? E’ evidente che parleremo ma ritengo che non vada messa una sola testa sul piatto, le responsabilità sono collettive. Se siamo questi siamo sbagliati come posto e come tempo, non è però il tempo delle analisi ma di dimostrare qualcosa. Tre anni fa il Carpi ha rischiato di sparire e se siamo qui con ambizioni è giusto che chi arrivi a Carpi capisca dove è, non a parole o quando deve firmare dei contratti, ma con i fatti tutti i giorni. Quello che si è visto oggi nel secondo tempo non è tollerabile".

d. s.