Notte di furti: tre denunce . Ladri in ferramenta e lavanderia. Refurtiva ritrovata e restituita

Raid tra la Bassa modenese e il Mantovano, rubati numerosi attrezzi da lavoro e soldi dalle casse. I carabinieri hanno notato un’auto sospetta a Medolla: fermati tre pregiudicati col bottino. .

Notte di furti: tre denunce . Ladri in ferramenta e lavanderia. Refurtiva ritrovata e restituita

Notte di furti: tre denunce . Ladri in ferramenta e lavanderia. Refurtiva ritrovata e restituita

Furti in serie nella notte tra sabato e domenica, ai danni di attività commerciali, in particolare ferramenta, e di una lavanderia industriale.

I carabinieri, intervenuti subito dopo le denunce, sono riusciti a intercettare tre persone sospette in un parcheggio di Medolla: a bordo dell’auto è stata ritrovata parte della refurtiva, poi restituita.

E’ quanto successo nei territori di confine tra i territori di Medolla, nella Bassa modenese, e Gonzaga nel Mantovano.

Nel mirino, come detto, in particolare ferramenta dove i ladri hanno asportato numerosi – e costosi – attrezzi da lavoro e giardinaggio, con l’intenzione probabilmente di rivenderli al mercato nero.

Ma non hanno risparmiato nemmeno una lavanderia industriale: qui i malviventi, dopo essersi introdotti all’interno, si sono impossessati del denaro contante contenuto nelle casse.

Con le stesse modalità, ossia forzando gli infissi, la banda ha tentato altri furti in ditte della zona.

Superlavoro, dunque, per l’Arma dei carabinieri.

La pronta reazione di personale dei carabinieri delle Compagnie di Carpi e Gonzaga, allertato dalle vittime dei furti, ha consentito una serie di veloci accertamenti congiunti che hanno fatto convogliare le pattuglie in un parcheggio pubblico di Medolla.

Lì era stata notata un’auto sospetta il cui conducente, alla vista dei militari, ha cercato rapidamente di allontanarsi. Ma la fuga non è riuscita.

Sono stati così fermati e identificati tre pregiudicati stranieri e a bordo del mezzo è stata ritrovata parte del bottino della lunga notte di furti.

La successiva perquisizione estesa alle loro abitazioni di Medolla ha consentito il recupero di ulteriore e svariato materiale provento di furti sul quale verranno svolti approfondimenti per accertare il coinvolgimento degli indagati in analoghi episodi del passato.

La refurtiva degli ultimi furti è stata già restituita.

Nei confronti dei tre verrà inoltrata alla Procura una denuncia in stato di libertà per concorso in ricettazione.

I carabinieri, nel corso del week-end, sono stati impegnati non solo a Medolla, ma su tutto il territorio provinciale in controlli per contrastare proprio i furti ma anche lo spaccio di droga, attuando posti di blocco nelle zone maggiormente esposte ad attività illecite.

A San Felice Sul Panaro, i carabinieri hanno fermato un 20enne, trovato in possesso di ’hashish’. Il giovane è stato segnalato amministrativamente alla Prefettura quale assuntore e lo stupefacente sequestrato per la successiva distruzione.

A Modena, i carabinieri della Tenenza di Castelfranco Emilia sono invece intervenuti presso l’abitazione di un 25enne, rinvenendo nascosti in un ripostiglio 56 grammi di marijuana.

Lo stupefacente in questione è stato così sequestrato per le successive analisi ed il giovane denunciato alla Procura della Repubblica di Modena per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

r.m.