Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Nuova vita per l’ex cinema in centro "La sala ospiterà iniziative e corsi"

San Cesario, l’annuncio del sindaco Zuffi: "Ottenuti 100mila euro dalla Regione, inizio lavori entro alcuni mesi"

Il sindaco di S.Cesario Francesco Zuffi
Il sindaco di S.Cesario Francesco Zuffi
Il sindaco di S.Cesario Francesco Zuffi

L’ex cinema di via Piave, in pieno centro storico, tornerà presto a una nuova vita. E, nel progetto dell’amministrazione comunale, intende essere un contenitore a disposizione del paese, aperto alle iniziative delle associazioni e della società civile, non adibito a una funzione univoca.

Questo, in sintesi, è l’intento annunciato dal sindaco di San Cesario, Francesco Zuffi, che spiega: "Già nel nostro programma elettorale, ci eravamo prefissati come obiettivo il recupero di edifici storici. L’ex cinema di via Piave fa parte di uno di questi. Oggi – prosegue il primo cittadino – l’immobile è di proprietà comunale ed è utilizzato solo come deposito.

Con l’intento di recuperarlo per dargli nuove funzioni, nel novembre 2021 abbiamo aderito a un bando di rigenerazione urbana indetto dalla Regione Emilia Romagna, grazie al quale abbiamo ottenuto un finanziamento di 100.000 euro per la sua riqualificazione, cui aggiungeremo all’incirca altri 80.000 euro di fondi comunali.

Diversi, del resto, sono gli interventi di cui necessita la struttura, a partire dall’adeguamento degli impianti".

Al momento non c’è ancora una data fissata per l’inizio dei lavori, ma l’intervento è pressoché imminente.

Spiega infatti ancora Zuffi: "Entro settembre, come Comune, siamo tenuti a presentare il quadro economico alla Regione per ottenere il finanziamento che ci è stato concesso. Dopodiché, inizieremo i lavori, che verosimilmente partiranno quindi tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023".

Già quindi entro il prossimo anno, l’immobile potrà essere messo a disposizione della comunità.

La destinazione, appunto, per precisa volontà dell’amministrazione, rimane aperta.

"Vogliamo realizzare – aggiunge infatti il sindaco Zuffi – un contenitore dinamico, aperto a usi diversificati. Ad esempio, sarà aperto alle associazioni (ma non sarà sede fissa di associazioni, ndr) e al terzo settore in genere, come pure ai giovani, a corsi, e molto altro.

Del resto, il nostro obiettivo vuole essere quello di dare maggiore attrattività al nostro centro storico.

Sarà in altri termini – conclude il primo cittadino – un inizio a piccoli passi, in cui gli usi plurimi a cui intendiamo destinare l’ex cinema ci faranno capire la futura destinazione".

Ovviamente, proprio per la grande flessibilità che l’amministrazione intende dare a questo immobile una volta che sarà ristrutturato, l’intento è quello aprirlo sia a proposte del pubblico, sia del privato.

Marco Pederzoli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?