Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

"Odissea per prenotare una visita medica"

Annalinda Cattelani, volontaria dello Spi-Cgil: "Dieci giorni di tentativi vani. E’ importante garantire sportelli con operatori in presenza"

valentina beltrame
Cronaca
Annalinda Cattelani
Annalinda Cattelani
Annalinda Cattelani

di Valentina Beltrame Aiuta i suoi coetanei a destreggiarsi con password e identità digitali e, alla luce dell’esperienza maturata in questi mesi come volontaria del sindacato pensionati Spi-Cgil, non ha più dubbi: "E’ opportuno garantire negli uffici pubblici sportelli con operatori in presenza. Ben venga la digitalizzazione dei servizi, è una grande conquista, ma c’è ancora una parte della popolazione che, pur con tutta la buona volontà, non può accedervi". Annalinda Cattelani, pensionata, è arrivata a questa riflessione dopo l’odissea vissuta in prima persona nel tentativo di aiutare una parente a prenotare un esame medico. Cosa è successo? "Se me lo avessero raccontato, non ci avrei creduto. E’ stato impossibile prenotare una visita richiesta dal Com tramite Cip (centro interno di prenotazione). Ci abbiamo provato per giorni, dal 26 aprile fino al 5 maggio rimanendo in attesa al telefono per ore. Dato che la prestazione non poteva essere prenotata tramite fascicolo sanitario elettronico (Fse), ci ho provato tramite la mail indicata dall’azienda sanitaria ma alla fine della procedura, dopo aver caricato pure gli allegati, appariva la scritta ’sito irraggiungibile’. Alla fine ci sono riuscita tramite un numero di telefono diverso fornitoci direttamente dal Com. In generale, ci sono procedure troppo complicate e ci sono cittadini che, scoraggiati, rinunciano addirittura alle visite mediche. Non è giusto che per ostacoli organizzativi si rischi di dare un giudizio negativo per esempio a una sanità, quella modenese, che rimane indiscutibilmente di alta qualità". Cosa propone? "Servono sportelli, soprattutto negli ospedali, con persone che diano risposte. Persone in carne ed ossa. Altrimenti una fetta importante della popolazione, gli ultrasettantenni, rimangono tagliati fuori dai servizi. Lo vedo ogni giorno nella mia attività di volontaria per una lega dello Spi-Cgil". In che cosa consiste la sua attività? "Nel supportare i pensionati nelle pratiche per accedere ai servizi digitali, prima di tutto lo Spid che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?