E’ un universo parallelo quello della rete e, in particolare, del darkweb ovvero il lato oscuro di internet. Una volta dentro è possibile acquistare un po’ di tutto; dalle armi alla droga e spesso senza lasciare traccia. Per addentrarsi, però, è necessario l’utilizzo di Tor, una rete anonima capace di mascherare il reale IP da cui ti connetti. Questo significa che occorre essere comunque esperti...

E’ un universo parallelo quello della rete e, in particolare, del darkweb ovvero il lato oscuro di internet.

Una volta dentro è possibile acquistare un po’ di tutto; dalle armi alla droga e spesso senza lasciare traccia.

Per addentrarsi, però, è necessario l’utilizzo di Tor, una rete anonima capace di mascherare il reale IP da cui ti connetti.

Questo significa che occorre essere comunque esperti del lato oscuro della rete per riuscire a penetrarla.

Ma non sempre si riesce a mantenere ‘l’anonimato’; i carabinieri, a seguito di accertamenti, hanno infatti individuato e arrestato un acquirente di sostanze stupefacenti, in particolare droga sintetica sicuramente da rivendere al popolo dei giovani consumatori della notte.

Ad ammanettare un 27enne sono stati ieri mattina i carabinieri di Pavullo che hanno appurato come il ragazzo avesse appunto acquistato 50 pasticche di ecstasy proveniente dalla Germania; 10 grammi di ketamina proveniente dall’Inghilterra e 10 grammi di marijuana proveniente dalla Svizzera.

Come?

Ordinandola appunto sulla rete darknet, acquistandola per corrispondenza per poi farla arrivare nella nostra provincia attraverso spedizionieri, dove lasciava la merce in deposito per il successivo ritiro.

Non solo, il ragazzo, già finito in manette lo scorso anno sempre per spaccio, aveva ‘usato’ un‘amica per passare inosservato.

Il giovane le aveva chiesto infatti di andare a ritirare i pacchi in giacenza ad un deposito di spedizioni. Quando la ragazza, ignara di tutto, è arrivata, però, si è trovata dinanzi i militari.

L’amica a quel punto non ha potuto far altro che raccontare la verità: nulla sapeva del contenuto dei pacchi.

Li stava appunto ritirando per fare un favore all’amico. I militari sono risaliti all’identità dell’acquirente e lo hanno raggiunto. All’interno dei pacchi sono quindi spuntate pasticche ma anche marijuana che, sicuramente, il giovane avrebbe poi piazzato sul mercato. Nei confronti del 27enne sono scattate le manette mentre la sostanza è stata sequestrata.

v.r.