Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 apr 2022

Padel e bollette: sette progetti per lo sport

Polisportive, Bocciofila e circolo Arci destinatari di interventi per un investimento complessivo di 350mila euro

22 apr 2022
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel
Un’immagine d’archivio di uno sportivo che gioca a padel

Attività di riabilitazione rivolte a persone fragili, creazione di un nuovo campo da padel ed efficientamento energetico, oltre a all’adeguamento degli spogliatoi e dei servizi igienici. Sono alcuni degli obiettivi dei sette progetti di qualificazione delle strutture in diritto di superficie o in concessione patrimoniale alle associazioni sportive e alle polisportive modenesi che saranno finanziati, con uno stanziamento complessivo di 350mila euro, dopo essere stati approvati nell’ambito dell’avviso pubblico promosso nei mesi scorsi dal Comune con l’obiettivo di migliorare e rendere più funzionali gli impianti sportivi, pure per dare nuovi spazi a discipline ancora poco presenti in città. La graduatoria include altri 21 progetti, che saranno finanziati in futuro con ulteriori risorse che saranno messe a disposizione. In particolare, i sette progetti individuati sono quelli a cui la commissione giudicatrice ha assegnato il punteggio più alto, presentati dalle società e associazioni Polivalente 87 e Gino Pini, Polisportiva Virtus Modena, Polisportiva San Donnino, Polisportiva Cognentese, Bocciofila modenese, circolo Arci Polisportiva Sacca e Polisportiva Madonnina. Per tutte e sette il contributo assegnato è di 50mila euro, per un totale appunto di 350mila euro. Il bando era incentrato sul risparmio energetico, sul superamento delle barriere architettoniche e sulla riconversione funzionale degli impianti nel contesto del ripensamento degli obiettivi dei centri sportivi. L’avviso pubblico, inoltre, fissava il limite dell’80 per cento per la copertura economica delle spese sostenute dalle società, per massimo di 50mila euro per progetto, fissando il 31 dicembre come data entro cui concludere i lavori.

Entrando nel dettaglio dei sette progetti, alla Polivalente 87 e Gino Pini sono previsti la riconversione degli spazi per nuove attività di riabilitazione rivolte a persone fragili e interventi di efficientamento energetico con sistema di accumulo (50mila euro assegnati su una spesa progettuale prevista di 65.263 euro). Anche alla Polisportiva Virtus Modena è in programma la riconversione degli spazi. Alla Polisportiva San Donnino sono previsti un nuovo campo da padel, nuovi spogliatoi per l’adeguamento igienico, interventi per il risparmio energetico, l’adeguamento delle barriere architettoniche e il rinnovo campo beach volley (50mila su 72mila euro), mentre alla Polisportiva Cognentese si provvederà a riconvertire un’area in disuso. Alla Bocciofila modenese, invece, si procederà con l’adeguamento alla normativa antincendio e igienico-sanitaria. Al circolo Arci Polisportiva Sacca sono previsti la riconversione per adeguamento spazi crossfit e attività di aggregazione sociale. Infine, alla Polisportiva Madonnina si effettueranno la sostituzione dell’impianto termico e l’adeguamento strutturale degli spazi coperti sul terrazzo, nonché l’adeguamento dell’impianto acustico della sala polivalente.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?