Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Samanta Migliore morta dopo iniezione al seno, arresti domiciliari per Pamela Andress

Nei confronti del trans di origini brasiliane le ipotesi di reato di morte in conseguenza di altro delitto, esercizio abusivo delle professione e omissione soccorso

Pamela Andress
Pamela Andress ai domiciliari dopo la morte di Samanta Migliore dopo il ritocco al seno

Modena, 13 maggio 2022 - Pamela Andress, trans di origini brasiliane indagata per la morte della 35enne Samanta Migliore è agli arresti domiciliari. La 52enne risulta indagata per morte come conseguenza di altro delitto ed esercizio abusivo della professione sanitaria (oltre ad omissione di soccorso), dopo il decesso della 35enne Samanta Migliore a causa di una iniezione al seno.

Approfondisci:

Samanta Migliore, il marito: "Vado in Germania". I figli della donna affidati ai parenti

Approfondisci:

Samantha Migliore funerale, la figlia: "Ti avrei voluta alle mie nozze"

A dare esecuzione alla misura sono stati i carabinieri di Sassuolo, su input del gip, dopo la richiesta della procura. Andress, spiega il procuratore capo di Modena Luca Masini in un comunicato, è gravemente indagata per la morte della 35enne, avvenuta all’ospedale di Baggiovara il 21 aprile scorso, a seguito di un trattamento di chirurgia estetica eseguito il giorno stesso nell’abitazione della vittima, a Maranello.

L’accertamento autoptico eseguito dal consulente della procura, spiega ancora il comunicato, ha individuato la causa del decesso di Samanta Migliore in una embolia attivata dalla iniezione nel seno destro della donna di un fluido semioleoso, tipo silicone. Il consulente tecnico ha individuato nel corso dell’autopsia all’interno della zona trattata circa 300 centimetri cubi del fluido semioleoso che sarà oggetto di una specifica indagine analitica. Un altro elemento determinante a rafforzare la sussistenza dell’esigenza delle misure cautelari, una recente dichiarazione resa agli investigatori da un’altra donna la quale, alcuni anni fa, si era rivolta all’indagata per un trattamento estetico con gravissime conseguenze di cui ancora adesso è portatrice. Il giudice ha insomma ritenuto sussistente il pericolo della recidiva.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?