Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 giu 2022

Piano urbano, più agevolazioni per chi rigenera

12 giu 2022
francesca
Cronaca

Francesca

Federzoni*

Il Pug che il comune sta elaborando è uno strumento urbanistico che risponde ad un radicale cambiamento di prospettiva nell’attività di pianificazione sia per il soggetto pubblico, sia per gli operatori privati. Limite al consumo di suolo permeabile, contrasto ai cambiamenti climatici, crescita della qualità urbana attraverso la rigenerazione e della attrattività dei territori: questi, in sintesi, gli obiettivi proposti dalla nuova legge urbanistica regionale. Focus principale del Pug diventa il sistema insediativo esistente ed il suo riuso e rigenerazione: questo richiede una forte capacità di concertazione fra il comune ed i soggetti privati, detentori prevalenti del patrimonio edilizio esistente. Il Pug propone una visione della città futura in un orizzonte di medio lungo termine, ma non può definire né la capacità edificatoria né la disciplina di dettaglio per quelle trasformazioni la cui attuazione avverrà sia attraverso piani particolareggiati di iniziativa pubblica, sia con accordi operativi che i privati potranno proporre, ma che dovranno realizzare anche un interesse pubblico esplicito e importante. Non sono novità da poco rispetto al vecchio Piano. C’è in corso un importante lavoro di messa a punto prima dell’adozione del Pug. Ci riferiamo alla disciplina cui spetta il compito di consentire l‘attuazione della città futura in un modo flessibile pur entro un quadro di sostenibilità e coerenza, di cui andrebbero meglio esplicitati, nei vari contesti urbani, i fattori di attenzione. Per garantire l’interesse pubblico delle trasformazioni la disciplina di Pug ha introdotto un meccanismo a punti di valutazione del beneficio pubblico di cui si ritiene debba essere meglio verificata l’applicabilità e la rispondenza agli obiettivi; infine, si dovrebbe favorire in modo più forte il riuso e la rigenerazione urbana prevedendo delle premialità: solo così sarà possibile, ad esempio, sperimentare nuove forme di abitare e promuovere interventi innovativi ad alta qualità edilizia.

* Vicepresidente

Legacoop Estense

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?