LORENZO LONGHI
Cronaca

Posizione, possesso palla, attaccanti esterni Ecco l’idea di calcio di mister Bianco

Modena, il nuovo allenatore punta su intelligenza tattica e palleggio. Suggestioni: Tremolada ’sottopunta’ e Manconi che parte dal lato .

Posizione, possesso palla, attaccanti esterni  Ecco l’idea di calcio di mister Bianco

Posizione, possesso palla, attaccanti esterni Ecco l’idea di calcio di mister Bianco

di Lorenzo Longhi

Cosa attendersi dal mercato del Modena? Al di là dei movimenti ancora non ufficializzati (perché tecnicamente la nuova stagione inizierà sabato 1 luglio) ma già gialloblù in pectore, vale a dire Cotali, Manconi e Cauz, le prime mosse consentono di ottenere una prima chiave interpretativa rispetto a ciò che verrà. Vaira lavora con Bianco per portare a Modena elementi che possano permettere al tecnico di effettuare la proposta di calcio che ha in mente. Più che di sistema di gioco, è una questione di concetti: il nuovo allenatore del Modena si è specializzato in un calcio posizionale, ha una certa idea in merito al possesso e le qualità che il club andrà cercando sul mercato sono intelligenza tattica e capacità di palleggio.

Quando Bianco frequentò il corso a Coverciano nel 2020 (a titolo di curiosità, nella classe di Bianco al master, oltre a Pirlo e Italiano, c’erano anche l’ex allenatore del Carpi, Matteo Contini, i due ex gialloblù Luca Toni e Francesco Antonioli) presentò una tesi dal titolo ’Evoluzione nel cambiamento’, nella quale si può risalire ad alcune idee già sperimentate a Siracusa e con la Sicula Leonzio ma anche nel ruolo, ancor più di campo, di collaboratore tecnico.

Ai tempi della sua esperienza da tecnico in prima dichiarò di prediligere 4-3-3 e 4-2-3-1, e in questo senso a Modena c’è un giocatore che, se il club tratterrà nonostante qualche sirena, farà virare il sistema sul secondo. Si parla chiaramente di Luca Tremolada, conditio sine qua non per vedere una sistema con una sottopunta – il buon vecchio trequartista, lasciando due pivot a centrocampo – che avrebbe buon gioco nel lanciare negli spazi un attaccante agile come Manconi, o chi per lui. Manconi sarebbe pure l’attaccante esterno perfetto in caso di 4-3-3, e in questo senso è lecito attendersi movimenti per quanto concerne le punte che amano agire partendo dai lati.

Per quanto concerne la retroguardia, l’arrivo di Cauz, che può giocare sia da terzino che da centrale a due, ma pure da braccetto di sinistra come ha fatto nella Reggiana di Diana, lascia in realtà aperte le porte anche a una difesa a 3, sui cui movimenti peraltro Bianco ha lavorato con Allegri a Torino. A giudicare anche dagli altri arrivi e ritorni, non sembra quest’ultimo il caso, ma tanto vale lasciare aperte le varie possibilità. Speculazioni, al momento. A luglio, nel giorno della presentazione, toccherà a Bianco svelare ciò che, oggi, è l’associazione di diverse inferenze.