Morta nella boscaglia
Morta nella boscaglia

Serramazzoni (Modena), 16 settembre 2019 -  I resti di un corpo - pare di donna - sono stati trovati a pochi metri da una Suzuki Xs4 precipitata in un burrone e finita ruote all’aria in mezzo alla vegetazione. La macchina sarebbe di Renata Vecchiato, la 62enne di Castelnuovo Rangone scomparsa il 2 agosto dal suo bar in strada Bellaria a Modena dove friggeva gnocco fritto. Aveva salutato i dipendenti con la promessa di tornare per le 19, ma così non è stato e il suo cellulare risultava irraggiungibile. Si era allontanata a bordo dell’auto che ieri alcuni cacciatori hanno notato in un burrone tra Riccò e Puianello. Vicino alla macchina, c’erano il corpo martoriato dagli animali selvatici e alcuni stracci, pare dei vestiti.

I cacciatori che ieri alle 9 si sono trovati davanti la scena raccapricciante hanno chiamato subito i carabinieri: «Venite, il cane ha fiutato un cadavere». Il corpo si trovava in una zona piena di vegetazione e anche la macchina ne era quasi completamente ricoperta. Dalla strada che da Modena porta al Villaggio Sorriso c’è una curva secca sulla destra da cui, probabilmente, la donna sarebbe uscita di strada precipitando per un centinaio di metri. Da bordo carreggiata era impossibile scorgere la vettura. Solo scendendo tra le frasche e avvicinandosi al punto del ritrovamento era possibile accorgersi della tragedia. E non è un caso che sia stato un cane da caccia, attirato dall’odore, a fare il macabro ritrovamento. Mai nessuno prima aveva notato il mezzo incidentato. I carabinieri arrivati subito sul posto hanno capito, tramite la targa, che la macchina era della donna scomparsa il 2 agosto della quale era stata denunciata la scomparsa dai familiari. Non avevano mai smesso di cercarla, tanto che sui social si ripetevano appelli e della scomparsa si era occupata anche la tramissione ‘Chi l’ha visto?’. Ancora, però, non è possibile stabilire se i resti siano davvero di Renata.

Sul posto sono arrivati anche gli esperti della Scientifica dei carabinieri che hanno recuperato il corpo insieme ai vigili del fuoco di Pavullo i quali hanno poi estratto dal burrone anche la macchina, posta sotto sequestro. I resti - il cadavere purtroppo è stato smembrato dagli animali selvatici, lupi, volpi e cinghiali - sono stati portati all’istituto di Medicina legale di Modena. Il pm di turno incaricherà forse già oggi il medico legale per l’esame autoptico che si prospetta molto complicato. Servirà l’esame del Dna per avere la certezza che si tratti proprio della 62enne. L’ipotesi è che la donna abbia avuto un incidente d’auto. Probabilmente è uscita di strada nell’affrontare la curva finendo nello strapiombo. Renata Vecchiato era da poco rimasta vedova. Era conosciuta come la titolare della ‘Casa del gnocco fritto’ di strada Bellaria a Modena.

AGGIORNAMENTO La disperazione delle dipendenti: "Siamo sotto choc"