Modena, residenti contro il trasferimento dei coniglietti dal Parco XXII Aprile

I cittadini chiedono che i conigli nani restino nel parco XXII Aprile, a causa dei problemi igienico-sanitari. Residenti lamentano assenza dell'Amministrazione, mentre i bambini sono contenti della presenza degli animaletti. Intervento di trasferimento previsto nei prossimi giorni

Residenti di Bologna contro il trasferimento dei coniglietti dal Parco XXII Aprile

Residenti di Bologna contro il trasferimento dei coniglietti dal Parco XXII Aprile

La colonia sta diventando sempre più numerosa: proprio per questo e per i connessi problemi igienico sanitari è stato dato il via libera al trasferimento dei coniglietti dal parco XXII Aprile in una azienda agricola di Concordia. I residenti della zona, però, da via Teglio a via Canaletto chiedono che i conigli nani restino nel parco. "Sembra che il problema lamentato sia di natura igienico sanitaria: gli animaletti sporcherebbero nel giardino del nido, a noi sembra una scusa", sottolinea una residente in via Nonantolana. A ottobre è stato necessario un intervento nella scuola e in tutta la zona verde c’è il rischio di trasmissione di patologie, portate da pulci e zecche, anche attraverso i tanti cani accompagnati nel parco. "Siamo basiti: con tutto quello che succede al parco ci si preoccupa di allontanare i conigli, che rendono felici i bambini. Qua, ad ogni ora del giorno e della notte – tuona la residente – abbiamo file di persone che vengono a fare i propri bisogni lungo la recinzione. Meglio non descrivere l’odore terribile di urina che ci ‘assale’ con questo caldo. Inoltre il parco pullula di spacciatori, tossicodipendenti e sbandati che festeggiano la sera lasciando cibo e rifiuti ovunque". La residente sottolinea poi come ad oggi persista il problema degli immobili occupati. "Per tutte queste cose l’Amministrazione è assente – dice – eppure per allontanare i coniglietti interviene subito. Ogni giorno i tossicodipendenti utilizzano il distributore di acqua potabile per lavarsi le parti intime o le siringhe: ho fatto una segnalazione all’igiene pubblica ma nessuno se ne preoccupa. Questa situazione, invece, a livello igienico sanitario va bene?", si chiede. A parlare la mamma di un bimbo che frequenta le Collodi: "Quando i nostri figli hanno visto i coniglietti erano contentissimi. Sono le mascotte del parco. Il parchetto è degradato e l’unica cosa che incita i cittadini ad andare sono proprio i coniglietti". Le operazioni di recupero degli animali, per nulla semplici a giudizio dei tecnici, iniziano nei prossimi giorni.