GIANPAOLO ANNESE
Cronaca

Rifiuti, la battaglia è politica Pd duro contro Menani ma morbido con Muzzarelli

Incombe la campagna per le amministrative. I toni mutano in base al colore dei Comuni. Doppio registro anche del centrodestra. M5s, Mvp e Up: "Dem, basta ipocrisie".

Rifiuti, la battaglia è politica   Pd  duro contro Menani  ma morbido con Muzzarelli

Rifiuti, la battaglia è politica Pd duro contro Menani ma morbido con Muzzarelli

di Gianpaolo Annese

Paese che vai, colpa che trovi. Sui disagi della raccolta porta a porta a Modena (Comune amministrato dal centrosinistra) il Partito democratico si mostra piuttosto indulgente con la giunta. A soli 20 chilometri di distanza, a Sassuolo (amministrazione di centrodestra), i Dem invece sparano a palle incatenate contro il Comune. Due pesi e due misure. Specularmente, il centrodestra a Sassuolo brontola contro la raccolta, ma scarica sostanzialmente l’intera responsabilità su Atersir, Regione ed Hera risparmiando la giunta Menani. A Modena, al contrario, pratica il tiro al bersaglio sull’amministrazione comunale a guida Muzzarelli.

Vi è di sicuro l’attenzione al benessere della collettività e alla qualità ambientale su entrambi i fronti, ma, ecco, è superfluo evidenziare come la raccolta dei rifiuti sia diventato un esplosivo caso politico: sarà la madre di tutte le battaglie della, imminente, campagna elettorale per lle amministrative del 2024. Si tratta di uno di quegli argomenti sensibilissimi per la vita dei cittadini, in grado di spostare blocchi di voti in un senso o nell’altro e farti vincere o perdere alle urne. Ferrara ne sa qualcosa: è conclamato ormai che la vittoria del centrodestra alle ultime elezioni sia stata favorita (anche) dall’introduzione del nuovo sistema di raccolta.

Una contraddizione notata da Movimento 5 stelle, Modena Volta Pagina e Unione Popolare: "In tutti i Comuni Hera fa disastri con la raccolta rifiuti, ma a Modena il Pd dà la colpa ai cittadini, a Sassuolo alla giunta". Si legga per esempio questo messaggio del Pd: ’Da settimane i marciapiedi e alcune zone sono occupate da sacchi di spazzatura ingombranti e spesso maleodoranti. Per verificarlo basta passeggiare per le vie del centro e nelle zone residenziali. Colpa anche di un’amministrazione comunale incapace. Non è vero che il Comune non può fare nulla ed ha le mani legate. I Comuni hanno la facoltà di regolare aspetti organizzativi nell’esecuzione del servizio nel proprio territorio. Un sindaco che non governa i processi ma li subisce, non è un sindaco utile alla città’. Dichiarazioni incredibili – dicono da M5s, Mvp e Unione popolare – "il Pd che attacca il suo sindaco? No, perché il Pd non parla di Modena ma di Sassuolo. Anche a Sassuolo, infatti, Hera applica la stessa fallimentare organizzazione di Modena e si verificano gli stessi disagi che accadono nella nostra città: montagne di sacchetti, strade sporche, odori nauseanti". Però a Sassuolo "il Pd sta all’opposizione di una amministrazione comunale di destra e allora definisce ’incapace, inutile, dannoso’ il comportamento della giunta sul tema rifiuti". A Modena dove ci sono gli stessi problemi, "ma il Pd gestisce il Comune eccolo sostenere che la Giunta non c’entra, non può e fare nulla".

Se questa "doppiezza non fosse ai danni dei cittadini ci sarebbe quasi da sorridere. Sia chiaro noi, Movimento 5 Stelle, Modena Volta Pagina e Unione Popolare pur non stando a questo giochetto ci opponiamo totalmente a giunte di destra, come quella di Sassuolo. Ma quello che qui importa è dire al Pd è che occorre un minimo di coerenza: non si può attaccare un comportamento che a venti chilometri di distanza si difende strenuamente. Troppa ipocrisia".